azione diretta

Taranto, sentenza del processo contro INAIL sui benefici amianto

17 aprile 2008
ore 14:30

Si invitano i giornalisti, i cittadini e le associazioni a partecipare alla lettura della sentenza del processo intentato dal Sig. Cosimo Semeraro, Presidente dell'Associazione 12 Giugno contro l'ex dirigente INAIL per occultamento e soppressione dei fascicoli relativi all'amianto.

La sentenza prevista per l'11 Aprile nell'Aula G del Tribunale di Taranto non è stata emessa perchè l'avvocato della controparte accusava un mal di gola, che non gli consentiva di poter proseguire la discussione, che è stata differita al giorno 17 aprile 2008, h. 14.30, aula G.

Il processo si trascina da anni, e il signor Semeraro ha sempre combattuto la sua battaglia da solo, con tutti i problemi e l'amarezza che comporta fare la guerra a dei giganti senza alcun conforto.

Sarebbe bello per il signor Semeraro, ma anche per chi, come noi, vuole dare il segnale che esiste, anche nella città del più grave dissesto della storia della Repubblica e dei non invidiabili record nazionali ed europei per inquinamento, una società civile vera, forte, e coesa.

Per maggiori informazioni:
Cosimo Semeraro - Presidente dell'Associazione 12 giugno
3298707954
Vedi anche:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Dal sito

  • Voltana
    Ho raccontato la corsa a perdifiato di mio padre per sfuggire ai tedeschi

    Il ricordo più bello di quest'anno scolastico

    Una mamma mi ha fermato per dirmi che quella storia non l'avrebbe mai dimenticata e che suo figlio gliel'aveva raccontata. Vorrei una scuola così, che lasci un ricordo e storie da custodire, perché la vita, anche in classe, può diventare bella, indimenticabile e commovente.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Taranto Sociale
    E l'ultima notizia è che concedono altri 14 mesi di proroga alla copertura dei nastri trasportatori

    Volevano tanto bene a Taranto

    Ma si sono dimenticati i tarantini nel forno. I bambini esplodevano uno dopo l'altro come chicchi di pop-corn. E gli ultimi che avrebbero dovuto aprire il portellone non l'hanno fatto.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Lo dichiara il quotidiano cattolico Avvenire

    "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"

    La guerra a Gheddafi non ha portato la democrazia e la libertà. In Libia si tortura e si violano pesantemente i diritti umani. Profughi in catene, ustionati e denutriti, aggrediti con acido, picchiati con martelli e tubi.
    31 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Laboratorio di scrittura
    L’umanità ama in quanto scrive

    L’amore per lo scrivere

    La scrittura è un atto d’amore per se stessi e per gli altri 
    30 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Editoriale

    Sollevare un ginocchio di qualche centimetro

    28 maggio 2020 - Peppe Sini (Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera di Viterbo)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)