evento

Napoli Teatro Festival Italia

6 giugno 2008

NAPOLI TEATRO FESTIVAL ITALIA
Prima edizione
6 – 29 giugno 2008

2000 artisti, 38 debutti, 200 rappresentazioni, 15 paesi coinvolti, 9 lingue parlate, 17 nuove creazioni, 29 spettacoli (su 40) prodotti e coprodotti, 14 testi commissionati: queste le cifre del Napoli Teatro Festival Italia che si terrà a Napoli dal 6 al 29 giugno 2008. Un progetto ambizioso gestito dalla Fondazione Campania dei Festival, presieduta da Rachele Furfaro, e che per tre anni avrà la direzione artistica di Renato Quaglia.
La novità più rilevante è la costituzione della prima Compagnia teatrale europea, composta da attori e professionisti provenienti da diversi Paesi dell’Unione, che sarà affidata ogni anno a un regista diverso (per il 2008 ci saranno Annalisa Bianchi e Virginio Liberti).
Ma il Napoli Teatro Festival Italia oltre a promuovere, commissionare e varare partnership produttive in diverse aree del mondo, dedicherà parti del proprio programma anche al Settecento napoletano e all’innovazione. Ce ne sarà per tutti i gusti: teatro, ma anche danza, musica, arte.
Saranno coinvolte 35 realtà e istituzioni napoletane, e gli spettacoli si svolgeranno in 30 diverse sedi teatrali e non teatrali dell’intera città.
Il Napoli Teatro Festival Italia avrà anche un altro primato: sarà il primo festival ad avere una forte connotazione ambientalista. Basti dire che aderirà alle normative europee di eco-sostenibilità in tutte le sua azioni e produrrà autonomamente tutta l’energia di cui ha bisogno, grazie a un progetto di produzione di energia fotovoltaica attivo dal prossimo giugno.

Ufficio stampa

Delos
Tel. 02 8052151 delosmi@tin.it

Raffaella Tramontano r.tramontano@napoliteatrofestival.it
cell. 339 5862189/338 8312413
Tel. E fax 081 19560383

Enrica Procaccini e.procaccini@napoliteatrofestival.it
cell. 329 6038112
Tel. E fax 081 19560383

Per maggiori informazioni:
ufficio stampa Delos
02.8052151
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: A Viareggio muore don Beppe Socci, dopo aver speso una vita accanto agli ultimi e aver lottato, senza clamori, per una umanità semplice e nonviolenta

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)