evento

La Marcia per la sicurezza sul lavoro a Brindisi

22 aprile 2008
ore 18:30 (Durata: 4 ore)

Martedì 22 aprile farà tappa anche a Brindisi la marcia nazionale per la sicurezza sul lavoro promossa da lavoratori di tutta Italia, marcia partita nelle settimane scorse dallo stabilimento Torinese della Thyssen-Krupp. Proprio nei giorni in cui si promulgano nuove leggi sulla sicurezza sui posti di lavoro che cancellano nei fatti le sanzioni penali per i padroni, la città di Brindisi aspetta ancora di sapere da più di un decennio, se ci sarà un processo penale per l´omicidio colposo di qualche decina di operai del petrolchimico morti di cancro, morti di lavoro.

La Marcia vuole riaffermare il principio che quelli contro il lavoro e contro i lavoratori non possono essere reati senza castigo; che, al contrario, in questo caso sì, la certezza della pena verso chi viola i più elementari principi di sicurezza a danno dei suoi dipendenti è un valore irrinunciabile in una Repubblica fondata sul lavoro, ma, prima ancora, un altro fondamentale strumento di prevenzione.

Nei giorni scorsi abbiamo realizzato un appello rivolto soprattutto al mondo del lavoro, con il quale abbiamo dichiarato che le decisioni della Regione Puglia di aumentare medici e tecnici preposti al controllo sui posti di lavoro prese dopo le morti di Molfetta vanno nella direzione giusta, ma sono ancora insufficienti per la situazione brindisina.

I promotori della tappa Brindisina della Marcia Nazionale proporranno nel corso dell´assemblea la costituzione di un comitato che intervenga sui posti di lavoro per migliorarne la situazione attraverso iniziative specifiche. Questa proposta nasce dalla constatazione che in molti posti di lavoro non esistono nemmeno i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, le norme spesso non vengono rispettate, in alcuni casi la sicurezza viene scambiata con piccoli vantaggi economici. L´assemblea ricorderà agli Enti Preposti infine che nonostante le richieste pressanti di tutti questi anni rivolte ad ottenere la realizzazione dei piani di emergenza in caso di incidenti gravi nella zona industriale non abbiamo visto ancora nulla in termini operativi. Di tutto questo e di ogni altro aspetto della sicurezza e della dignità del lavoro ne vogliamo discutere martedì 22 aprile, alle ore 18.30, presso la sala Associarte di Brindisi, in piazzale Stazione (sopra il cinema Universal) insieme con:

Franca Caliolo - Associazione 12 giugno
Bobo Aprile -Confederazione Cobas
Stefano Palmisano - Medicina Democratica
Riccardo Rossi - Rete 28 aprile - CGIL
Comitato "vittime del petrolchimico"

Introduce: Maurizio Portaluri (oncologo)

Alle ore 20.30 seguirà lo spettacolo teatrale "Ballata per una morte bianca", opera della compagnia del Teatro delle Ceneri di Roma.
Si accede solo per invito

Per maggiori informazioni:
info: 329 1184097 - 368 582406
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)