conferenza

Facciamo pace in Medio Oriente. Ricostruiamo la speranza"

25 settembre 2008

III Conferenza Europea
degli Enti Locali per la Pace in Medio Oriente

Dal 25 al 27 settembre 2008 si svolgerà a Venezia la Terza Conferenza Europea degli Enti Locali per la Pace in Medio Oriente con lo slogan "Facciamo pace in Medio Oriente. Ricostruiamo la speranza".

Per la prima volta, i rappresentanti di tutte le istituzioni e organizzazioni europee degli Enti Locali si riuniranno insieme ai rappresentanti degli Enti Locali israeliani e palestinesi per discutere come le città europee possono contribuire alla costruzione della pace in Medio Oriente. Si tratta di una conferenza orientata all'azione. L'obiettivo è definire un vero e proprio piano di lavoro da realizzare nei prossimi due anni.

La Conferenza è organizzata dal Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, dal Comune di Venezia e dalla Provincia di Venezia insieme a numerose reti di istituzioni locali europee, con il patrocinio del Parlamento Europeo, del Ministero degli Affari Esteri, della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative e delle Province Autonome, dell'AICCRE e dell'Unione delle Province d'Italia (UPI) in collaborazione con il Comitato delle Regioni dell'Unione Europea, il Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d'Europa e l'Associazione mondiale degli Enti e dei Governi Locali "Città e Governi Locali Uniti" (si veda l'elenco completo sul sitowww.cittaperlapace.it).

Consapevoli dei problemi che ancora oggi impediscono la conclusione di questo tragico conflitto, gli organizzatori della Conferenza di Venezia intendono rilanciare la "diplomazia delle città" e rafforzare così il ruolo e l'iniziativa concreta dell'Europa. Ricordiamo che secondo l'intesa firmata il 27 novembre 2007 ad Annapolis da Mahmud Abbas e Ehud Olmert, i negoziati di pace tra israeliani e palestinesi si dovrebbero concludere entro il 2008.

A Venezia, gli Enti Locali europei troveranno elementi per conoscere e capire, strumenti per lavorare, progetti da implementare e relazioni da coltivare.

La Conferenza si svolge nell'Anno europeo del dialogo interculturale, in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e del 60° anniversario della Costituzione della Repubblica Italiana.

La Conferenza aprirà i lavori giovedì 25 settembre, alle ore 16.00, nel prestigioso Palazzo Ducale dove il Consiglio Europeo del 1980 approvò la storica "Dichiarazione di Venezia" per una pace giusta e globale in Medio Oriente.

Per maggiori informazioni:
Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
Floriana Lenti 338/4770151
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)