convegno

Primo convegno nazionale “Interventi Civili di Pace”

21 novembre 2008
ore 10:00

Ruolo delle organizzazioni della società civile nei processi di prevenzione e trasformazione dei conflitti

ROMA, ottobre 2008 - Nelle giornate del 21 e 22 novembre p.v. presso la Città dell’Altra Economia in Largo Dino Frisullo, Testaccio, Roma, si terrà il primo convegno nazionale del progetto Interventi Civili di Pace (ICP). Il progetto, cofinanziato dal DGCS del Ministero degli Affari Esteri, è mirato a diffondere una cultura di tolleranza e dialogo, con lo specifico intento di formare operatori e promuovere la costituzione di Corpi civili di pace, che rappresentino un’alternativa all’intervento militare nel processo di risoluzione dei conflitti. Convegni nazionali e regionali, interventi didattici nelle scuole, corsi di formazione e la pubblicazione di una rivista sul tema degli ICP sono tra le principali attività previste per coinvolgere la società civile nella diffusione di una cultura che ponga al primo posto la nonviolenza.
Rappresentanti della società civile e associazioni parleranno delle esperienze italiane negli interventi civili di pace. In particolare, l’attenzione dei partecipanti si concentrerà su: formazione degli operatori, mediazione e diplomazia dal basso, processi di riconciliazione, presìdi, delegazioni e ambasciate di pace.
La giornata del 21 novembre si chiuderà con un concerto e una performance: L’arte come strumento di pace. Negli spazi dell’ex-mattatoio sarà inoltre allestita la mostra Cartooning for Peace.
La giornata del 22 novembre si aprirà con interventi di rappresentanti degli Enti locali, associazioni e ONG sui temi dell’interposizione diretta e dell’accompagnamento nonviolento, della ricostruzione e del sostegno alla società civile in zone di conflitto, del monitoraggio (elezioni, diritti umani, tregua) e, del disarmo.
Nel pomeriggio si riuniranno tre gruppi di lavoro per l’elaborazione collettiva del Tavolo ICP:
1. Strumenti e politiche per favorire una azione Civile di Pace
2. Quale Formazione per quali interventi
3. Pratiche di azione in diverse fasi di conflitto e scenari di intervento: Balcani, Medio Oriente, Africa.
I lavori si chiuderanno con una riunione plenaria in cui si presenteranno: Relazioni dei gruppi di Lavoro e la bozza di stesura del documento Finale

Comitato promotore:
Servizio Civile Internazionale, Un Ponte per …, Associazione per la Pace, Istituto Ricerche Internazionali Archivio Disarmo, Associazione IPRI – Rete CCP, Comunità Papa Giovanni XXIII – Condivisione tra i popoli, Associazione Reorient – Rete Lilliput

Bozza-Programma

I movimenti per la pace devono, infatti, sforzarsi

di essere sempre meno costretti ad improvvisare per reagire
a singole emergenze, ed attrezzarsi invece a sviluppare idee e proposte
forti, capaci di aiutare anche la prevenzione, non solo la cura di crisi e conflitti…
Alex Langer

Interventi Civili di Pace
Ruolo delle organizzazioni della società civile nei processi
di prevenzione e trasformazione dei conflitti

21 - 22 Novembre 2008
Roma - La Città dell'Altra Economia
Testaccio, in Largo Dino Frisullo,
all'interno del Campo Boario dell'ex mattatoio

Venerdì 21 novembre 2008:

Ore 10.00 - Apertura lavori

• Presentazione progetto ICP:
Stefania Pizzolla

• Presentazione convegno e obiettivi di lavoro:
Riccardo Troisi

1° sessione plenaria:
Esperienze internazionali nella risoluzione nonviolenta dei conflitti

Interventi Istituzionali

• Luisa Morgantini, Vice Presidente Parlamento Europeo
• Enzo Scotti*, Sottosegretario agli Affari Esteri
• Patrizia Sentinelli, ex Vice Ministro degli Esteri con delega per la cooperazione internazionale
• Elisabetta Belloni*, Ministro Plenipotenziario, Direttrice Generale DGCS
• Federica Morgherini, parlamentare Commissione Difesa Camera
* in attesa di conferma

Introducono e moderano: Farshid Nourai, Martina Pignatti Morano e Lisa Clark

• Kai Brand-Jacobsen, Department of Peace Operations – PATRIR
• Andrea Ricci, EC RELEX, Crisis Room Coordinator, Unit for Crisis Management and Conflict Prevention.

Discussant
• Marta Martinelli, Università di Bruxelles
• Gianni Scotto, Università di Firenze
• Tonino Drago, Università di Pisa

Ore 13.30
Pausa Pranzo

Ore 14.30 – Ripresa lavori

Costruire percorsi di pace: esperienze italiane d’Interventi Civili di Pace

Moderano: Ettore Acocella e Angelica Romano

Formazione operatori
• Nanni Salio, Sereno Regis
• Fabrizio Battistelli, Archivio Disarmo
• Luisa del Turco, Gruppo di genere Stati Generali della Cooperazione
• Bernardo Venturi, Centro Studi Difesa Civile

Mediazione e diplomazia dal basso
• Alberto Capannini, Operazione Colomba
• Flavio Lotti, Tavola della Pace
• (da definire), Fondazione Langer
• Marco Mayer, Università di Firenze

Processi di riconciliazione
• Oliviero Bettinelli, Caritas di Roma
• Tonio dell’Olio, Libera
• Don Fabio Corazzina, Pax Christi

Presidi Delegazioni e Ambasciate di pace
• Alberto L’Abate, Rete IPRI-Rete Corpi Civili di Pace
• Alessandro Rossi, Coordinamento Europeo Nonviolent Peaceforce
• Sirio Conte, Associazione per la Pace

Ore 18.30
Chiusura lavori

Ore 21.00 – Luogo da definire

CONCERTO E PERFORMANCE L’arte come strumento di Pace
Mostra “cartooning for peace”

Sabato 22 novembre 2008

Ore 10.00 - Costruire percorsi di pace: ruolo degli Enti Locali italiani
• Nicola Zingaretti*, Presidente della Provincia di Roma
• Filiberto Zaratti, Assessorato di Ambiente e Cooperazione tra i popoli Regione Lazio
• Francesco Bicciato*, Assessorato alle Culture e Integrazioni-Coop. Internazionale Comune di Padova
• Regione Toscana*
• Regione Campania o Provincia Napoli*
* in attesa di conferma

Ore 10.30 - Costruire percorsi di pace: esperienze italiane d’Interventi Civili di Pace

Moderano: Riccardo Carraro e Claudia Lamonaca

Interposizione diretta e accompagnamento nonviolento
• Sara Turra, Servizio Civile Internazionale
• Ettore Acocella, Associazione per la Pace
• Pasquale Dioguardi, Peace Brigades International

Ricostruzione e sostegno alla società civile in zone di conflitto
• Fabio Alberti, Un ponte per..
• Silvia Stilli, Arcs
• Giulio Marcon, Lunaria

Monitoraggio (elezioni, diritti umani, tregua)
• Maria Carla Biavati, Berretti bianchi
• Nadia Ceroni, Donne in nero
• Mario Orru, Ics
• Alessandra Mecozzi, Fiom internazionale – Action for Peace

Disarmo
• Francesco Vignarca, Rete Italiana Disarmo
• Alex Zanotelli, Missionari Comboniani
• Emanuela Fumagalli, Mondo senza guerre
• Riccardo Troisi, Rete Lilliput/Reorient
• Massimo Paolicelli, AON Associazione Obiettori Nonviolenti

Ore 13.30
Pausa Pranzo

Ore 14.30 - Ripresa lavori

Gruppi di Lavoro per elaborazione collettiva del Tavolo ICP

1. Strumenti e politiche per favorire un’azione Civile di Pace

2. Quale Formazione per quali interventi?

3. Pratiche di azione in diverse fasi di conflitto e scenari di intervento: Balcani, Medio Oriente, Africa

Ore 16.30 in plenaria
Relazioni dei gruppi di Lavoro
Bozza di stesura documento finale

Ore 18.30
Chiusura lavori

Per maggiori informazioni:
Segretariato del Convegno: tel. 3355769531 - 3317858469 Ufficio Stampa: tel. 3484014467
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Disarmo
    Nelle basi Nato di Aviano (Pordenone) e Ghedi (Brescia) ci sono 70 testate atomiche americane

    A 75 anni dalla tragedia di Hiroshima e Nagasaki

    La commemorazione di Hiroshima e Nagasaki deve convincere a prendere finalmente decisioni di disarmo, almeno di disarmo atomico, troppo a lungo rimandate.  E’ inaccettabile che il nostro paese, che ripudia la guerra e ha fatto la scelta antinucleare, ospiti armi nucleari.
    6 agosto 2020 - MIR (Movimento Internazionale della Riconciliazione)
  • Latina
    I paramilitari attaccano i municipi occupati dai comuneros con metodi da Ku Klux Klan

    Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche

    Preoccupano le condizioni di salute dei prigionieri politici mapuche in sciopero della fame
    5 agosto 2020 - David Lifodi
  • Latina

    Piano interventista contro il Nicaragua

    Gli USA si preparano a gestire tre possibili scenari prima e dopo le elezioni del prossimo anno
    4 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Pretendiamo un atto di dignità, il governo si riscatti firmando il Trattato!

    HIROSHIMA E NAGASAKI 75 anni fa: mai più!

    In Italia ospitiamo 70 bombe nucleari americane, in caso di guerra saremmo uno dei primi bersagli, nessun governo lo ha mai dichiarato ai cittadini
    4 agosto 2020 - Rossana De Simone
  • Latina

    Difendere i beni comuni è sempre più pericoloso

    Nuovo rapporto di Global Witness evidenzia un drastico incremento degli omicidi di attivisti in difesa della terra e dell’ambiente
    3 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)