evento

La luce addosso

29 novembre 2008
ore 21:00 (Durata: 2 ore)

Carissimi,
il prossimo 29 novembre alle ore 21.00 presso il Teatro Comunale "Gonzaga - Ilva Ligabue" di Bagnolo in Piano (RE) sarà presentato il nuovo spettacolo teatrale "La luce addosso" del gruppo FUORITEMPO. Una storia sulle armi nucleari. L'obiettivo è sensibilizzare giovani e meno giovani sulle drammatiche conseguenze che ebbe il lancio della bomba su Hiroshima e Nagasaki.
Oggi nel mondo ci sono circa 27.000 bombe atomiche, delle quali 15.000 sono operative (circa 12.000 sono schierate e circa 3.000 in stato di allerta, cioè lanciabili in quindici minuti). Tuttavia ormai si crede comunemente di averla fatta franca perché si pensa che dopo aver superato la guerra fredda la minaccia nucleare si sia vanificata. Si ha l’idea che gli strateghi militari non useranno le armi atomiche per nessuna ragione al mondo, ma in realtà la possibilità del loro utilizzo resta concreta anche se remota.

Ecco perché il gruppo Fuoritempo ha avvertito l'esigenza, di proporre la storia della prima bomba atomica e di mettere in guardia la gente sulle reali capacità e sulle conseguenze delle armi atomiche, grazie alle quali l'uomo ha ottenuto la tragica possibilità di cancellare tutta la vita dalla faccia della terra.

Lo spettacolo sarà ad ingresso gratuito grazie al lavoro sinergico tra diverse realtà: Comitato Reggiano “Un futuro senza armi atomiche”, Assessorato alla Cultura del Comune di Bagnolo in Piano (RE), Coop. Soc. “Il Girasole”, Pax Christi – Punto Pace Reggio Emilia, Parrocchia S. Francesco da Paola e Circolo Culturale “Massimo Troisi”.


Per maggiori informazioni:
Comitato Reggiano “Un futuro senza armi atomiche”
mobile 380 4785231
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)