convegno

Toscana comunità aperta e solidale

7 aprile 2009

Programma

1a Sessione: Iniziative e progetti (ore 9,30-13,30)

1a parte - Coordina Xhevahir Luzi, Vice-presidente del Consiglio degli Stranieri di Calenzano
Ore 9,30 – Relazione introduttiva di Giuseppe Carovani, Responsabile della
Consulta Immigrazione - Un impegno per l’inclusione e per la convivenza
che va rafforzato e sviluppato
Ore 9,50 – Comunicazione di Papa Demba, Coordinamento dei Consigli degli
Stranieri e delle Consulte della Toscana - Un’esperienza di partecipazione
in direzione di un diritto negato: il diritto di voto
Ore 10,05 – Comunicazione di Giovanni Lattarulo, Dirigente della Regione Toscana
A che punto è il progetto ReSISTo
Ore 10,20 – Comunicazione di Giuseppe Faso, Agenzia Interculturale
dell’Empolese-Valdelsa - Usi del linguaggio e livelli di informazione che
alimentano l’intolleranza
Ore 10,35 – Comunicazione di Moreno Biagioni, Consulente dell’ANCI Toscana
Come sviluppare i Percorsi di cittadinanza
Ore 10,45 – Pausa caffè

2a parte - Coordina Assane Kebe, del Consiglio degli Stranieri del Comune di Firenze
Ore 11 – Dibattito, con interventi di amministratori, esponenti dell’associazionismo, del sindacato, delle realtà autorganizzate dei migranti
Interventi programmati:

Luigi Andreini, Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza della Toscana
Alessandro Martini, Caritas
Simone Consani, ANOLF/CISL
Franca Cecchini, CGIL regionale
Adelina Lacaj, Associazione Nosotras
Roger Sessou, FAT (Federazione Africani in Toscana
Rossella Pappalardo, Sindaco di Uzzano)
Andrea Frattani, Assessore del Comune di Prato
Manola Guazzini, Assessora della Provincia di Pisa, o Massimo Marianetti, Nord-Sud

Ore 12,30 – Interventi conclusivi della 1a Sessione:
Adriano Chini, Sindaco di Campi Bisenzio,
Luca Pacini, Commissione Immigrazione ANCI Nazionale
Gianni Salvadori, Assessore regionale alle Politiche Sociali

Ore 13,15 – Luca Menesini, Assessore del Comune di Capannoni -
Presentazione delle indicazioni in materia di immigrazione per gli
Amministratori che verranno eletti a giugno

Ore 13,30 – Buffet

2a sessione: I migranti dopo il pacchetto sicurezza (ore 14,30 – 17)

Coordina Marie Fall, del Consiglio degli Stranieri della Provincia di Firenze
Ore 14,30 – Introduce Emilio Santoro, L’altro Diritto
Ore 14,50 – Comunicazione di Mercedes Frias o Fahria Aidid, Punto di Partenza
Ore 15,05 – Comunicazione di Sara Denevi o Paolo Sarti, Medici per i Diritti Umani
Ore 15,20 – Comunicazione di Sandro Margara, Presidente della Fondazione Michelucci, o
Nicola Solimano, Fondazione Michelucci

Ore 15,35 – Dibattito, con interventi di amministratori, esponenti dell’associazionismo, del sindacato, delle realtà autorganizzate dei migranti

Interventi programmati:
una/un rappresentante del COSPE
una/un rappresentante della realtà dei migranti empolese o livornese
Sergio Bontempelli, Africa Insieme
Piero Colacicchi, di OsservAzione, o Demir Mustafà, Amalipè Romanò
Lucia De Siervo, Assessora del Comune di Firenze
Vincenzo Striano, Presidente regionale dell’ARC

Ore 16,40 – Interventi conclusivi della 2a Sessione:
Alfio Baldi, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Livorno
Aldo Morelli, Vice-presidente dell’ANCI Toscana
Ore 17 – Pausa caffè

Ore 17,15 – Proiezione del film “Come un uomo sulla terra” di Riccardo Biadene, Andrea Segre,
Dagmawi Yimer (in collaborazione con l’Associazione “El Mastaba”)

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)