concerto

M.A.T. - MATTEO AMITRANO TRIBUTE

28 maggio 2009
ore 19:00

Gara musicale di giovani talenti per la Sierra Leone

Giovedì 28 maggio 2009 alla Locanda Atlantide (via dei Lucani 22b, zona San Lorenzo) ore 19, la prima edizione del M.A.T. Matteo Amitrano Tribute, una serata di musica e solidarietà presentata da Massimiliano Bruno. Sul palco con i sei gruppi musicali in gara anche Alessandro Mannarino, Lucia Ocone, Johnny Palomba, Claudio Santamaria e Pietro Sermonti. I fondi raccolti con l’iniziativa verranno destinati all’Ospedale in Sierra Leone realizzato da EMERGENCY nel 2001 a Goderich, vicino alla capitale Freetown.

M.A.T. nasce da un’idea di Matteo Amitrano un ragazzo di 22 anni che, alla soglia della Laurea in Fisica, è stato fermato da un osteosarcoma. Matteo si è sempre impegnato con entusiasmo nell'attività di volontariato con EMERGENCY: sempre propositivo e presente con il suo sorriso raggiante.

I gruppi musicali selezionati in questi mesi e che partecipano alla gara sono i 360 Muse, Alberto Fiorelli Quartet, Gnu Economy, La furia del Signor Banana, The Pillow Factory e Parallel Reality; i ragazzi proporranno i loro brani originali e verranno premiati dalla giuria tecnica e dal pubblico.
La giuria tecnica è composta da musicisti, cantanti, giornalisti, tecnici del suono ed attori: Devis Annibaldi (cantante), Max Buono (ArtLab), Fabrizio Bacherini (Ingegnere del suono), Filippo De Laura (arrangiatore e produttore discografico), Massimiliano Ionta (Start Group srl), Gianluca Polverari (giornalista musicale), Roberto Procaccini (Tastierista, arrangiatore e produttore discografico), Raiz (cantante), Nicola Roumeliotis (Fandango WebRadio), Pietro Sermonti (attore), Boris Sollazzo (Radio Rock, Rolling Stone), ed Eugenio Vatta (Ingegnere del suono).

Il costo del biglietto d'ingresso è di 10 euro di cui 7 verranno devoluti ad EMERGENCY per il suo Ospedale di Goderich. La Sierra Leone è stata, in un recente passato, teatro di una cruenta guerra civile che ha coinvolto bambini soldato e causato migliaia di vittime e feriti. Il conflitto ha distrutto le infrastrutture sanitarie e peggiorato le già precarie condizioni di vita della popolazione. Per questo EMERGENCY avvia nel 2001 un intervento, realizzando un Centro chirurgico vicino alla capitale del paese. I principali ambiti di attività sono la chirurgia d’urgenza e la traumatologia e sono già oltre 256 mila le persone curate. Ad oggi, il Centro chirurgico di EMERGENCY è l’unica struttura nel paese ad offrire assistenza sanitaria specializzata e gratuita alla popolazione.

Per ulteriori informazioni: prati.rm.emergency@gmail.com

Contatti Stampa: Nicola Tarantino e Sarah Scimò
Tel: 06.68815/215 o 335.7203254 @: stampa.roma@emergency.it

Per maggiori informazioni:
Emergency, volontari gruppo Prati di Roma
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Garifuna sotto tiro

    Assassinato un altro difensore del territorio ancestrale garifuna
    3 febbraio 2023 - Giorgio Trucchi
  • CyberCultura

    Il Premier australiano sta solo fingendo di lavorare per liberare Julian Assange?

    Comincia a serpeggiare il sospetto che Anthony Albanese non si stia affatto interessando presso le autorità statunitensi, come invece egli ha preteso più volte, per il ritiro delle accuse contro il co-fondatore di WikiLeaks.
    2 febbraio 2023 - Patrick Boylan
  • Laboratorio di scrittura
    Chi fornisce a Taranto i dati orari del benzene?

    Antonio e i picchi del benzene

    Un esperto degli algoritmi da Londra manda i grafici dei picchi del benzene. Tra una pausa e l'altra del suo lavoro, sforna le cattive notizie che turbano la quotidianità degli ecotarantini che sanno leggere ascisse, ordinate e diagrammi cartesiani. Cronaca assurda in una città inquinata.
    2 febbraio 2023 - Alessandro Marescotti
  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)