concerto

M.A.T. - MATTEO AMITRANO TRIBUTE

28 maggio 2009
ore 19:00

Gara musicale di giovani talenti per la Sierra Leone

Giovedì 28 maggio 2009 alla Locanda Atlantide (via dei Lucani 22b, zona San Lorenzo) ore 19, la prima edizione del M.A.T. Matteo Amitrano Tribute, una serata di musica e solidarietà presentata da Massimiliano Bruno. Sul palco con i sei gruppi musicali in gara anche Alessandro Mannarino, Lucia Ocone, Johnny Palomba, Claudio Santamaria e Pietro Sermonti. I fondi raccolti con l’iniziativa verranno destinati all’Ospedale in Sierra Leone realizzato da EMERGENCY nel 2001 a Goderich, vicino alla capitale Freetown.

M.A.T. nasce da un’idea di Matteo Amitrano un ragazzo di 22 anni che, alla soglia della Laurea in Fisica, è stato fermato da un osteosarcoma. Matteo si è sempre impegnato con entusiasmo nell'attività di volontariato con EMERGENCY: sempre propositivo e presente con il suo sorriso raggiante.

I gruppi musicali selezionati in questi mesi e che partecipano alla gara sono i 360 Muse, Alberto Fiorelli Quartet, Gnu Economy, La furia del Signor Banana, The Pillow Factory e Parallel Reality; i ragazzi proporranno i loro brani originali e verranno premiati dalla giuria tecnica e dal pubblico.
La giuria tecnica è composta da musicisti, cantanti, giornalisti, tecnici del suono ed attori: Devis Annibaldi (cantante), Max Buono (ArtLab), Fabrizio Bacherini (Ingegnere del suono), Filippo De Laura (arrangiatore e produttore discografico), Massimiliano Ionta (Start Group srl), Gianluca Polverari (giornalista musicale), Roberto Procaccini (Tastierista, arrangiatore e produttore discografico), Raiz (cantante), Nicola Roumeliotis (Fandango WebRadio), Pietro Sermonti (attore), Boris Sollazzo (Radio Rock, Rolling Stone), ed Eugenio Vatta (Ingegnere del suono).

Il costo del biglietto d'ingresso è di 10 euro di cui 7 verranno devoluti ad EMERGENCY per il suo Ospedale di Goderich. La Sierra Leone è stata, in un recente passato, teatro di una cruenta guerra civile che ha coinvolto bambini soldato e causato migliaia di vittime e feriti. Il conflitto ha distrutto le infrastrutture sanitarie e peggiorato le già precarie condizioni di vita della popolazione. Per questo EMERGENCY avvia nel 2001 un intervento, realizzando un Centro chirurgico vicino alla capitale del paese. I principali ambiti di attività sono la chirurgia d’urgenza e la traumatologia e sono già oltre 256 mila le persone curate. Ad oggi, il Centro chirurgico di EMERGENCY è l’unica struttura nel paese ad offrire assistenza sanitaria specializzata e gratuita alla popolazione.

Per ulteriori informazioni: prati.rm.emergency@gmail.com

Contatti Stampa: Nicola Tarantino e Sarah Scimò
Tel: 06.68815/215 o 335.7203254 @: stampa.roma@emergency.it

Per maggiori informazioni:
Emergency, volontari gruppo Prati di Roma
06.68815
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: A Viareggio muore don Beppe Socci, dopo aver speso una vita accanto agli ultimi e aver lottato, senza clamori, per una umanità semplice e nonviolenta

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)