incontro

LE RESPONSABILITÀ E IL RUOLO DELL’UE NEL RISPETTO DEI DIRITTI UMANI IN ISRAELE E NEL TERRITORIO OCCUPATO PALESTINESE

11 maggio 2010
ore 17:30 (Durata: 2 ore)

IlNetwork Euromediterraneo per i Diritti Umani (EMHRN), il suo gruppo di lavoro “Palestina/Isarele e i Palestinesi”, in collaborazione con l’Associazione per la Pace e Action for Peace, sono lieti di invitare i rappresentanti della società civile italiana ad un incontro congiunto con vari membri di organizzazioni della società civile – sia israeliana che palestinese – impegnate per la protezione e promozione dei diritti umani e della legalità internazionale nell’area. Il gruppo di lavoro “Palestina/Isarele e i Palestinesi” è composto* da organizzazioni non governative (israeliane, palestinesi, arabe ed europee) e mira a promuovere, nelle politiche dell’Unione Europea e dei singoli Stati Membri nei confronti di Israele e del territorio occupato palestinese (Cisgiordania e Striscia di Gaza), un approccio comune e condiviso, basato sul rispetto dei diritti umani.
L’incontro costituirà un’opportunità per discutere sugli ultimi sviluppi della situazione in Israele e nel territorio occupato palestinese e per conoscere il lavoro del gruppo di lavoro tematico dell’EMHRN in relazione alla promozione e tutela dei diritti umani nelle relazioni EU-Israele. Lo scopo dell’incontro è anche quello di scambiare esperienze e informazioni con la la società civile italiana sulle attività in programma e in vista di una futura possibile cooperazione con il Network Euromediterraneo.
*Tra i membri del gruppo di lavoro vi sono organizzazioni quali:
B’Tselem (Gerusalemme Ovest, Israele), il Public Committee Against Torture in Israel (Gerusalemme Ovest, Israele), Adalah (Haifa, Israele), the Arab Association for Human Rights (Nazareth, Israele), al-Haq (Ramallah, territorio occupato palestinese-OPT), Al-Mezan Center for HR (Gaza, territorio occupato palestinese) and Palestinian Center for HR (Gaza, OPT), Palestinian Human Rights Organisation (Libano), Association Tunisienne des Femmes Démocrates (Tunisia) , le Comité pour le Respect des Libertés et des Droits de l'Homme en Tunisie (Tunisia), Federacion de Asociaciones de defensa y Promocion de los Derechos Humanos (Spagna), Asociacion para la Cooperacion con el Sur – ACSUR (Spagna), Greek Committee for International Democratic Society (Grecia), Rehabilitation and Research Center for Torture Victims (Danimarca), Bruno Kreisky Foundation for Human Rights (Austria).

Per maggiori informazioni:
Luisa Morgantini
+39 3483921465
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Dal sito

  • Editoriale

    Sollevare un ginocchio di qualche centimetro

    28 maggio 2020 - Peppe Sini (Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera di Viterbo)
  • MediaWatch
    Errore già ripetuto a marzo, sempre sulla produzione annua dell'industria siderurgica nazionale

    Acciaio: il ministro Patuanelli parla nuovamente di "miliardi di tonnellate" al posto di "milioni"

    Sulla produzione annua di acciaio del ciclo a caldo da parte dell'Italia, Patuanelli parla di "solo 6 miliardi di tonnellate di acciaio provenienti dalle lavorazioni a caldo" quando la produzione mondiale annua di acciaio non arriva ai due miliardi di tonnellate annue.
    28 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Il motore della finanza globale risiede nell’export di armi

    Pace, Donne, Disarmo

    Nella giornata internazionale delle donne per il disarmo, ricordiamo l’impegno di molteplici attiviste sui grandi temi del disarmo nucleare, dalla marcia mondiale della pace e della nonviolenza al Petrov Day
    25 maggio 2020 - Laura Tussi
  • CyberCultura
    Servono più rigore scientifico e meno sciocchezze

    Divide et impera

    La buona scienza contro il recente dilagare di false credenze che incitano all'odio e distraggono da questioni più importanti. La terra non è piatta. Il sole non gira intorno alla terra. Neil e Buzz hanno camminato sulla luna. Il COVID-19 non è un piano ordito del governo cinese
    26 maggio 2020 - John K. White (*)
  • Pace
    Ricordarlo significa proseguire qui e adesso la sua lotta

    Don Lorenzo Milani

    E' difficile rendere un'idea di quanto decisivo sia stato per la mia generazione leggere la "Lettera a una professoressa", "L'obbedienza non e' piu' una virtù", "Esperienze pastorali". Sono stati non solo "testi di formazione" e ma hanno costituito strumenti sia di interpretazione del mondo
    27 maggio 2020 - Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)