evento

Un donatore moltiplica la vita

22 maggio 2010
ore 10:00

Un giro al centro commerciale. Con l’amica del cuore, con il fidanzato, con mamma e papà. Per staccare dal solito tran tran, per mandare in ferie i pensieri, guardare le ultime tendenze o gratificarsi con un regalino. Perché il parco o il museo sono importanti, ma ogni tanto staccare il cervello ci vuole.

Sabato 29 e domenica 30 maggio 2010, poi, c’è un motivo in più per fare un giro al centro commerciale. Dalle 10.00 alle 19.00 le associazioni del Tavolo presente all’interno del Centro Regionale Trapianti Lazio, presso l’Ospedale San Camillo Forlanini (ADMO, Associazione Donatori Midollo Osseo; AIDO, Associazione Italiana per la Donazione di Organi; ANED, Associazione Nazionale Dializzati e Trapiantati; ACTI, Associazione Cardio Trapiantati Italiani; Associazione Marta Russo; Associazione Amici del Trapianto del Fegato; Associazione Malati di Reni) saranno in 5 centri commerciali della regione (“La Scaglia” di Civitavecchia, “Fashion District Outlet” di Valmontone, Porta di Roma, Euroma 2, Aprilia 2) per distribuire materiale informativo, dare indicazioni utili, incontrare i cittadini, spiegare cosa vuol dire donazione. In collaborazione con il Centro Regionale Trapianti del Lazio e con il sostegno dei Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio CESV e SPES.

Inoltre AIDO sarà presente a Porta di Roma già sabato 22 e domenica 23 maggio 2010, sempre dalle 10.00 alle 19.00.

L’iniziativa si inserisce tra gli appuntamenti previsti per la Settimana della donazione. Dal 23 fino al 30 maggio 2010, Giornata Nazionale della donazione e del trapianto dal titolo “Un donatore moltiplica la vita” promossa da Centro Nazionale Trapianti e Ministero della Salute sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

L’obiettivo? Sensibilizzare, informare correttamente i cittadini su quanto sia importante la donazione, sul suo valore. Perché negli ultimi anni i donatori sono aumentati sensibilmente (per il rapporto 2009 del Centro Nazionale Trapianti, lo scorso anno sono stati 3164 i pazienti trapiantati contro i 2932 del 2008, con un aumento pari al 10.5%). Ma il numero dei pazienti in lista d’attesa per il trapianto resta considerevole.

E allora stacca la spina, ma resta collegato. Perché la donazione sia prima di tutto un fatto culturale. E soprattutto perché riguarda tutti, nessuno escluso.

Per informazioni
Carmen Contesi
Area Comunicazione CRTL
Cell. 349.6090723
ccontesi@hotmail.com

Per maggiori informazioni:
CESV e SPES
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)