convegno

Tempo di Reciprocità e Inclusione Sociale

28 maggio 2010
ore 09:00

In occasione del “2010 Anno Europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale”, l’Associazione Nazionale Banche del Tempo invita al convegno “Tempo di Reciprocità e Inclusione Sociale” per valutare i risultati e le potenzialità della rete nel favorire inclusione e solidarietà sociale.
L’appuntamento è venerdì 28 maggio, dalle ore 9.00 e per l’intero arco della giornata, presso la Sala delle Bandiere del Parlamento Europeo, in via IV Novembre 149 a Roma.

L’iniziativa, organizzata con il contributo dei Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio CESV e SPES, gode del patrocinio di Comune e Provincia di Roma.
Introduce ai lavori Maria Luisa Petrucci, Presidente dell’Associazione Nazionale Banche del Tempo, a cui segue l’intervento di Roberta Angelilli, Vicepresidente del Parlamento Europeo.
Portano il loro saluto Nicola Zingaretti, Presidente della Provincia di Roma, e Umberto Croppi, Assessore alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma.

A fare il focus su “Gli indirizzi europei per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale” è la parlamentare europea Silvia Costa, mentre uno sguardo sul nostro paese viene tracciato da Marina Gerini, Direttore generale per il volontariato, l’associazionismo e le formazioni sociali presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
La tavola rotonda è invece dedicata a “Lo scambio del tempo come strategia di inclusione attiva”. Moderata dalla giornalista Mariella Gramaglia, vede la partecipazione del filosofo Alessandro Montebugnoli, della sociologa Paola Piva e della deputata Livia Turco, promotrice della legge 53/2000.
Dopo il pranzo, il Presidente di AUSER, Michele Mangano, fa il punto su “La solidarietà ai tempi delle nuove povertà”, seguito da Renzo Razzano, Vicepresidente del CEV, che invece lancia uno sguardo “Verso il 2011 Anno Europeo del volontariato e della cittadinanza attiva”.
Una seconda tavola rotonda, incentrata su “Esperienze e progetti a confronto: come accrescere il contributo delle Banche del Tempo alle politiche l’inclusione sociale”, è arricchita dal contributo di relatori di diverse realtà locali italiane e dei rappresentanti della Spagna e di Londra.
Alle ore 17.30, a conclusione dei lavori, si tiene la presentazione e votazione del documento delle Banche del Tempo per l’Anno Europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale.

Per informazioni:
Associazione Nazionale Banche del Tempo
Via Achille Campanile 65 – 00144 Roma
Tel/fax 06.5000400 – cell. 347.8773867
E-mail tempo banca@tiscalinet.it
Sito web www.bdtitalia.altervista.org

Per maggiori informazioni:
Spes
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: A Viareggio muore don Beppe Socci, dopo aver speso una vita accanto agli ultimi e aver lottato, senza clamori, per una umanità semplice e nonviolenta

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)