presentazione

Presentazione del libro di Raffaele Sardo “E’ marzo, la primavera sta per arrivare. Don Peppino Diana ucciso per amore del suo popolo”

8 maggio 2004
ore 18:30 (Durata: 3 ore)

Uthòpia associazione CULTURALE e CAPUANOVA COOPERATIVA CULTURALE

Presentazione del libro di Raffaele Sardo
“E’ marzo, la primavera sta per arrivare. Don Peppino Diana ucciso per amore del suo popolo”

Partecipano:
-Silvestro Montanaro – Giornalista RAI-

-Renato Natale - già sindaco di Casal di Principe-

-Gianni Allucci – Direttore Consorzio Agrorinasce-

-Paolo Miggiano – Vice presidente “Fondazione don Giuseppe Diana”-

-Raffaele Sardo – Autore del libro - giornalista-

Il libro “E’ marzo, la primavera sta per arrivare. Don Peppino Diana ucciso per amore del suo popolo”, è uscito il 19 marzo scorso, edito dall’Università per la legalità e lo sviluppo di Casal di Principe. La prefazione del libro è del magistrato Donato Ceglie, sostituto Procuratore presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, impegnato in prima linea nella lotta agli ecomafiosi.

Nota sul libro

Il libro, pubblicato nel decennale della morte di don Giuseppe Diana, ucciso dalla camorra il 19 marzo del 1994 nella sua chiesa a Casal di Principe, ripercorre dieci anni di impegno civile del movimento anticamorra sviluppatosi dopo l’assassinio del sacerdote. I fatti sono raccontati da un testimone diretto e fanno anche giustizia delle “voci” che volevano la morte di don Diana come frutto di circostanze passionali o complicità con la criminalità organizzata. Le sentenze della magistratura, peraltro riportate in un capitolo del libro, affermano esattamente quello che i suoi amici hanno sostenuto in questi anni: Don Diana è stato ucciso per il suo impegno contro la camorra e per il suo appello alla rivolta morale e civile contro la criminalità organizzata. Suo il documento prodotto a Natale del 1991: “Per amore del mio popolo non tacerò”. E per amore del suo popolo è stato ammazzato.

Nel libro anche le testimonianze forti del vescovo di Caserta, Raffaele Nogaro , amico di don Diana e sostenitore delle sue tesi sociali (“la Chiesa non rivendica don Diana come suo martire”), e della mamma di don Diana (“in questi anni pochi sono state le persone che ci hanno aiutato”).

Un capitolo del libro è dedicato anche al “CASO CORRIERE DI CASERTA”, il quotidiano in edicola con la STAMPA di Torino che in questi anni ha cercato in tutti i modi di delegittimare la figura di don Diana con titoli che gli sono costate già pesanti condanne da parte della magistratura “Don Diana a letto con due donne” e “Don Diana era un camorrista”. L’editore di questo giornale è stato arrestato l’11 dicembre scorso per “estorsione a mezzo stampa” nei confronti di politici e imprenditori casertani.

I proventi del libro saranno devoluti a favore di interventi sociali curati dalla Parrocchia di Casal di Principe ove fu ucciso don Diana.

Nota sull’autore

L’autore è: RAFFAELE SARDO, giornalista professionista, nato ad Aversa nel 1956. Ha fondato e dirige il giornale “lo Spettro”. Ha collaborato con il quotidiano “la Repubblica” – “La Voce” di Montanelli. Attualmente collabora con il quotidiano ‘l’Unità”, il giornale telematico “il Nuovo.it”, il settimanale “Panorama”, il settimanale “Diario” e il mensile “Narcomafie”. Nel 1997 ha pubblicato il libro “NOGARO, UN VESCOVO DI FRONTIERA” (Alfredo Guida Editore).

Infoline: Ludovico Del Santo c/o Libreria Uthòpia, telefax:0823622944, e-mail: uthopialibreria@libero.it

Per maggiori informazioni:
Ludovico Del Santo c/o Libreria Uthòpia,
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
  • Ecologia
    Uno sketch del regista Giuseppe Giusto

    PeaceLink in audizione al Senato sullo scudo penale all'ILVA

    Il decreto legge che istituisce l'immunità penale per chi inquina è una grave intromissione nella sfera di autonomia della magistratura che a Taranto ha operato per la difesa della salute dei cittadini disponendo la confisca e il sequestro degli impianti inquinanti.
    23 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)