rappresentazione teatrale

Rarahil Memorial School- Nepal. 11 aprile 2012-Una giornata di solidarietà per un grande Progetto

11 aprile 2012
ore 21:00

Rarahil Memorial School- Nepal.

11 aprile 2012-Una giornata di solidarietà per un grande Progetto

Incontri con le scuole, presentazione del libro di Fausto De Stefani e Recital al Pax di Moni Ovadia

Il Comune di Cinisello Balsamo e il Comitato Genitori Cittadino, in collaborazione con il Teatro Pax, propongono alla cittadinanza un’intera giornata di solidarietà a favore dei bambini del Nepal. Un appuntamento che ha già assunto i connotati del grande evento per la personalità dei due protagonisti coinvolti: Fausto De Stefani alpinista di fama internazionale, ambientalista e raffinato fotografo, e Moni Ovadia, attore, regista di teatro, musicista e noto intellettuale.

“Si tratta di un’iniziativa molto importante che abbiamo voluto fortemente promuovere - dichiara l’assessore alle Politiche Educative Natascia Magnani - anche perché va a sostegno di un progetto che investe in cultura e conoscenza”. Ci ha affascinato la figura di De Stefani, alpinista di fama internazionale e da sempre impegnato in progetti di cooperazione, a lui si aggiunge Moni Ovadia, riferimento culturale importante per diversi progetti della nostra città, entrambi si sono messi in gioco in prima persona gratuitamente, divenendo promotori di quest’importante progetto a cui il nostro Comune aderisce.

.

LE INIZIATIVE A CINISELLO BALSAMO:

Il Comune di Cinisello Balsamo ha organizzato diversi momenti di incontro nella giornata dell_11 aprile 2012: gli incontri con Fausto De Stefani dedicati alle scuole si terranno alle ore 10.00 presso la Scuola primaria A. Costa e alle ore 14,30 presso la Scuola secondaria di primo grado Marconi - dove presenterà un film intitolato “Una scuola a due passi dal cielo” a cui seguiranno scambi di idee con gli studenti, domande e approfondimenti.

Gli incontri saranno supportati dall’ aiuto dei volontari del CAI di Cinisello Balsamo.

Proseguendo, alle ore 18.00 presso la Sala del Paesaggio di Villa Ghirlanda, la cittadinanza è invitata alla

presentazione del libro “Un viaggio lungo una fiaba”- Storia di una magia vissuta e sognata da Fausto De Stefani_ (Montura Editing - Prefazione di Marco Paolini). Il libro racconta di un incontro speciale avvenuto durante l’infanzia dell’autore, come lui stesso avrà modo di spiegare, tanto da influenzarne la vita e le scelte. Sarà possibile acquistare anche gli altri libri dell’autore i cui proventi saranno interamente devoluti allo sviluppo del progetto Nepal.

E infine una serata a teatro con il Recital di Moni Ovadia, alle ore 21 presso il Teatro Pax , Via Fiume. Il grande artista dedica questo evento al progetto rafforzando così un profondo legame di amicizia e collaborazione fra le due personalità, accomunate da un forte spirito umanitario e da un profondo senso di giustizia sociale. L’evento si pone in continuità con precedenti momenti di incontro e di raccolta fondi per la stessa causa. I biglietti saranno messi in vendita al prezzo di 12.00 euro, per fare in modo che più persone possibili possano dare il proprio contributo al progetto: l’intero incasso della serata sarà devoluto alla Fondazione Senza Frontiere onlus.

L’immagine dell’evento, lo studio degli strumenti di comunicazione come gli inviti, le locandine e i manifesti sono stati studiati e realizzati gratuitamente da Paola Savi - grafica dello studio Kikidù di Milano (www.kikidu.it), che è stata anche l’ideatrice della proposta e la coordinatrice dell’intero progetto.

PROFILO DI FAUSTO DEL STEFANI E IL PROGETTO:

Fausto De Stefani, temperamento schivo e appassionato, in soli dieci anni ha raccolto più di un milione di euro per fondare un campus modello a Kirtipur, a pochi chilometri da Kathmandu: la Rarahil Memorial School, inaugurata tra mille difficoltà burocratiche e governative nel 2003.

Oggi questa scuola è una realtà viva e pulsante che ospita circa un migliaio di bambini e ragazzi dai 4 ai 19 anni per il ciclo completo di studi. Il progetto fino ad oggi realizzato comprende convitto, cucina, mensa, scuola professionale secondaria, laboratori e dispensario medico per il quale la Fondazione Senza frontiere Onlus di Anselmo Castelli, ha già raccolto la cifra di 450mila euro rendendolo veramente all’avanguardia dal punto di vista medico/sanitario.

Questo poliambulatorio, dedicato alla memoria dell’alpinista Giuliano De Marchi, offre un servizio sanitario gratuito agli studenti e ai loro familiari e ai poveri della comunità di Kirtipur. Il progetto di scolarizzazione comprende anche una scuola professionale per accompagnatori naturalistici, un centro sportivo aperto anche a chi non frequenta la scuola e nuovi laboratori per insegnare le professioni di scalpellini, di incisori del legno e di pittori di thangka – arte devozionale su tela caratteristica del Buddhismo tibetano utilizzata per la meditazione, la preghiera e il culto - che si stanno perdendo per la forte emigrazione all’estero dei migliori artigiani. Fausto De Stefani, ha fatto di un sogno una

solida realtà. Crede fortemente nella necessità di dialogare con i bambini e i giovani in quanto futuro del pianeta. E suo pensiero che un bambino che apprende sarà un uomo più libero e meno schiavo.

Per maggiori informazioni:
Laura Tussi
3287727015
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)