convegno

Italia-Europa, lavoro volontario: al CNEL presentazione del Manuale OIL sulla misurazione con l'ISTAT

19 aprile 2012
ore 09:30

Arriva anche in Italia lo strumento statistico per misurare il volontariato in Europa e, in prospettiva, in tutto il mondo: il Manuale OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro). Questo strumento, frutto di un lavoro di ricerca internazionale, non si limita a rilevare ore, settore e profilo dei volontari, ma anche il relativo impatto economico e sociale.

In Italia è SPES (Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio) il partner del progetto a fare gli onori di casa, invitando alla conferenza “Il valore e il ruolo del volontariato. Presentazione del Manuale OIL sulla misurazione del lavoro volontario”. Appuntamento giovedì 19 aprile 2012, dalle ore 9.30 alle 13.00, a Roma presso il Parlamentino del CNEL, in Viale David Lubin 2.

L’Istat si sta già attrezzando per introdurre il Manuale OIL in una rilevazione fissata all’inizio del 2013. L’Italia sarà così il terzo paese europeo ad includerlo nelle proprie misurazioni statistiche, dopo Polonia e Ungheria. Alla luce della sua lunga esperienza, SPES, così come gli altri Centri di Servizio italiani, si occuperà di formare i rilevatori Istat all’utilizzo del manuale, soffermandosi su caratteristiche specifiche e linguaggi propri del volontariato italiano.

Intervengono alla presentazione: Antonio Marzano, Presidente CNEL; Andrea Olivero, Portavoce Forum Terzo Settore; Leonardo Becchetti, Università di Roma Tor Vergata; Lester M. Salamon, Direttore Johns Hopkins University Center for Civil Society; Adriana Mata, OIL - Organizzazione Internazionale del Lavoro; Linda Laura Sabbadini, Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali dell’Istat; Giuseppe Guzzetti, Presidente ACRI; Stefano Ragghianti, Presidente Fondazione Volontariato e Partecipazione.

Modera: Gian Paolo Gualaccini, Coordinatore “Osservatorio sull’Economia Sociale” del CNEL.

Richiesta la conferma di partecipazione: tel. 06.44702178 - e-mail europa@spes.lazio.it

La presentazione italiana segna la conclusione della fase preparatoria dell’EVMP – European Volunteer Measurement Project, che nell’arco dell’ultimo anno ha promosso l’informazione e la formazione degli uffici statistici e delle organizzazioni della società civile per l’implementazione del Manuale OIL. EVMP è realizzato in Europa da un partenariato tra Center for Civil Society Studies della Johns Hopkins University, CEV (Centro Europeo del Volontariato) e SPES (Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio), con il supporto finanziario e un importante contributo di idee da parte di ACRI, Forum del Terzo Settore, CONVOL, Consulta dei Comitati di Gestione, Consulta del Volontariato presso il Forum del Terzo Settore e CSVnet.

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)