corso

Corso per operatori di pace

12 marzo 2014
ore 18:30

Una nuova iniziativa della Scuola di Educazione alla Pace ed alla Mondialità.

Il 12 marzo prende il via il CORSO PER OPERATORI DI PACE. La gestione del conflitto.

5 incontri attraverso i quali addentrarsi nel tema dei conflitti e della possibilità di affrontarli e viverli in modo nonviolento.

Il conflitto, in tutte le sue dimensioni, è il “luogo” prioritario da vivere per sperimentarci come operatori di pace, attori del cambiamento verso una realtà di pace.

Con il contributo di due esperti, la nostra proposta formativa offre a tutti l’occasione di confrontarsi con il proprio approccio al conflitto ed alla possibilità di gestirlo insieme in modo costruttivo.

Al termine dell’esperienza d’aula il corso prevede la possibilità, per gli interessati che saranno selezionati, di proseguire con una esperienza di solidarietà internazionale in Bosnia Erzegovina.

IL PROGRAMMA

CORSO PER OPERATORI DI PACE.
LA GESTIONE DEL CONFLITTO.

MERCOLEDI’ 12 MARZO 2014
Relazione conflittuale e nonviolenza.
Equipe formativa dell’Area Pace e Mondialità

LUNEDI’ 17 MARZO 2014
La grammatica dei conflitti.
relatore da confermare

MERCOLEDI’ 26 MARZO 2014
Interventi civili di pace in Bosnia Erzegovina.
Giovanni Scotto (Docente Teoria dei Conflitti e delle Mediazioni – Università di Firenze)

MERCOLEDI’ 2 APRILE 2014
Identità e conflitto.
Equipe formativa dell’Area Pace e Mondialità

MERCOLEDI’ 9 APRILE 2014
Conflitto e cambiamento sociale.
Equipe formativa dell’Area Pace e Mondialità

Gli incontri si svolgeranno presso la Cittadella della carità, Via Casilina Vecchia 19, dalle 18.30 alle 21.30

L’Esperienza di solidarietà internazionale in Bosnia – Erzegovina si svolgerà dal 24 APRILE al 4 MAGGIO 2014

La domanda di partecipazione (scaricabile dal sito www.caritasroma.it) deve essere consegnata o inviata entro il 10 marzo.

La quota di iscrizione è di 30 €, da versare al primo incontro, e comprende il DVD con il materiale didattico e di approfondimento. Al termine del percorso verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Per maggiori informazioni:
Marco
0669886383
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Dal sito

  • Ecologia
    L'ILVA non garantisce "adeguate prospettive di redditività" come lo Statuto CDP richiede

    Soldi dei risparmiatori postali a rischio se usati per proseguire la produzione dell'ILVA

    Il ministro Patuanelli (M5S) ha dichiarato che l'ingresso dello Stato nella ex Ilva con CDP (Cassa Depositi e Prestiti) è considerato "quasi inevitabile". La Cassa Depositi e Prestiti raccoglie i risparmi di milioni di italiani. E il suo Statuto non consente l'operazione di Patuanelli
    6 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • Cultura
    5 giugno Giornata Mondiale dell'Ambiente

    Nel 1995 Michael Jackson scrisse Earth Song, canzone di denuncia dalla bellezza ipnotica

    Le ferite della Terra trovano musica e parole. Chi non conosce Earth Song la ascolti prima di vederne il video o le riprese del concerto live in cui Jackson trovò anche il modo di onorare gli studenti di Piazza Tienanmen
    5 giugno 2020 - Lidia Giannotti
  • Pace
    E' accaduto a Buffalo, negli Stati Uniti, durante le proteste per la morte di Gerge Floyd

    L'indifferenza in un video impressionante

    Spintonato da alcuni poliziotti, un anziano di 75 anni cade all'indietro sbattendo la nuca. Riverso per terra, sanguinante e privo di sensi non viene soccorso dai poliziotti che lo hanno fatto cadere per terra. Emerge l'indifferenza alla vita
    6 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Manifestazioni di protesta e disobbedienza civile contro il presidente Trump dopo l'assassinio

    George Floyd: il razzismo ha radici lontane

    Il razzismo è la negazione dell’altro da sé e la conseguente volontà di distruzione. Il colore della pelle, il genere, l’opinione politica, l’appartenenza a una determinata religione e la pratica di una specifica fede sono tutte cause di discriminazione che possono sfociare nell'intolleranza
    6 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Un intervento statale di salvataggio brucerebbe risorse importanti per rilanciare l'occupazione

    Salvare l'ILVA toglierebbe posti di lavoro e rinvierebbe solo di qualche mese la sua fine

    Un governo disposto a nazionalizzare e a pagare 100 milioni di euro di perdite mensili pur di salvare l'ILVA, di fatto toglierebbe posti di lavoro, non li salverebbe. Infatti con 100 milioni di euro si darebbe un reddito a molte più persone di quante sono occupate in questa azienda decotta
    6 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)