assemblea

Scendiamo in piazza e riprendiamoci la città!

31 maggio 2016
ore 19:00

SCENDIAMO IN STRADA A RIPRENDERCI LA CITTA’!

Cari concittadini, da tempo e con forza da questa pagina auspichiamo un processo dal basso in grado di attivare ed unire le energie positive e propositive della città.
Crediamo che i tempi siano maturi per passare ad una seria fase di proposta attraverso un percorso partecipato di ascolto e crescita collettiva.

Pensiamo non sia più il tempo di attendere, il futuro è ora!

Per questo abbiamo deciso di assumerci la responsabilità di farci promotori di questa chiamata alle passioni per disegnare un’altra città, provando ad interpretare un’esigenza che a Taranto è sempre più avvertita e non più rinviabile.
Per tutto questo vogliamo dare appuntamento a tutti a MARTEDI’ 31 MAGGIO alle ORE 19 in piazza Garibaldi.
Proveremo a costruire relazioni e a mettere in circolo idee e competenze da imporre sui tavoli della politica.

Ragioneremo su una visione di città basata su pochi ma chiari concetti cardine: andare oltre l’industria pesante salvaguardando i redditi, programmando in modo scientifico tempi e modi della riconversione economica ed evitando che città e lavoratori continuino a pagare il prezzo di soluzioni che nove decreti di vari Governi non hanno saputo e voluto fornire. La città ha il dovere di ragionare su molti altri aspetti, quali inclusione sociale, mobilità sostenibile, cultura, ciclo dei rifiuti, welfare, diritti di chi lavora, diritto alla casa. Sono tutti temi rimossi dal dibattito pubblico. Dobbiamo costruire insieme, su questi temi, la Taranto di domani.

Un minuto dopo la prima (e speriamo non unica!) assemblea faremo un necessario passo indietro e dovranno essere i partecipanti stessi a decidere come organizzarsi e che strade prendere, in modo profondamente democratico e realmente partecipativo.
Siamo convinti che questo sia l’unico metodo in grado di gettare fondamenta solide per il cambiamento tanto atteso.

E tu che Taranto vuoi?
http://www.tarantosociale.org/tarantosociale/a/43220.html

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)