presentazione

“Inerti”, il romanzo sulle ecomafie di Barbara Giangravè

9 febbraio 2017
ore 20:00

Dialogano con l'autrice:
Fulvia Gravame, responsabile del nodo di Taranto per Peacelink
Michela Soldo, Libera contro le mafie – Taranto

Modera: Emanuela Carucci, giornalista de “ilGiornale.it”

Ambientato in Sicilia, “Inerti” è un romanzo la cui finzione narrativa si nutre del materiale realmente raccolto dall'autrice per un'inchiesta giornalistica sulla presunta attività di occultamento di rifiuti nel sottosuolo e del relativo smaltimento.

Gioia, la giovane protagonista, torna a vivere ad Acremonte, paese immaginario dopo aver lasciato Palermo perché licenziata dall'azienda nella quale lavorava.
Lì incontra Fabio, un vecchio amico, ora malato di tumore. Quell'incontro, per Gioia che ora è occupata come commessa in una libreria e vive nella casa dei defunti genitori, si rivela decisivo.
La giovane trentenne capisce l'anomala diffusione della malattia nel suo paese. Ed è da lì che inizia a cercare con tenacia e senza arrendersi le prove di un traffico illecito di rifiuti provando a rompere i muri del silenzio e della rassegnazione.
Allo stesso tempo, Gioia è costretta ad una prova esistenziale durissima dentro la quale, come in un puzzle doloroso, i ricordi e i traumi della vita famigliare si mescolano agli altri tasselli della sua esistenza esigendo una rigorosa chiarificazione personale.

Sulla costruzione narrativa sono determinanti le dichiarazioni che il pentito di camorra, Carmine Schiavone, rilasciò all'autrice Barbara Giangravè un anno prima di morire a proposito dello smaltimento illegale di rifiuti che in Sicilia sarebbe iniziato molti anni prima rispetto alla Campania.

Il romanzo di Barbara Giangravè può a buon diritto definirsi una storia del Sud che coinvolge tutte le terre martoriate dall'emergenza rifiuti e dai traffici illeciti ad essa legati. Anzi, “Inerti” si iscrive nell'alveo di quei romanzi di respiro nazionale perché la questione non è solo “patrimonio del Mezzogiorno”, ma dell'intero paese.

Note sull'autrice
E' nata a Palermo nel 1982. Laureata in Scienze della Comunicazione, giornalista professionista dal 2006, ha lavorato per agenzie informative, testate giornalistiche online, uffici stampa. È stata insignita nel 2011 del titolo di Inspiring Woman of Italy per gli anni del suo attivismo antimafia.
Ha viaggiato in Europa, America e Asia. “Inerti” è il suo primo romanzo.

Rinviato dal 17/11/2016 al 9/02/2017 per problemi tecnici.

Per maggiori informazioni:
Libreria Mondadori
Vedi anche:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    I contadini indiani non accettano alcun tipo di compromesso né proposta di indennizzo

    La formica contro l’elefante

    Una comunità rurale della costa indiana difende la propria foresta da un gigante dell’acciaio. La stampa locale prova a richiamare l’attenzione della comunità internazionale e noi di PeaceLink accogliamo volentieri la richiesta, supportando questa collettività di attivisti, pescatori e agricoltori.
    29 novembre 2021 - Cinzia Marzo
  • Editoriale
    Il settimanale Avvenimenti fece da amplificatore alla rete pacifista

    Trent'anni fa nasceva PeaceLink

    Il primo computer di PeaceLink era un portatile senza hard disk che aveva una potenza ottomila volte inferiore agli attuali. Il software di un anarchico americano consentì di collegarlo in rete. La connessione avvenne al costo di uno scatto telefonico: duecento lire.
    28 novembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Un oblò sul nostro futuro

    Morte e vita dei migranti

    Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
    18 novembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Latina
    Elezioni in Honduras

    La sfida di porre fine a dodici anni di neoliberismo

    L’Honduras al crocevia più importante della sua storia recente
    25 novembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Latina
    In El Salvador le misure repressive aumentano ogni giorno.

    El Salvador: un paese in odore di dittatura

    Un appello urgente in sostegno di organizzazioni femministe e non, perquisite e attaccate dal governo di Bukele
    25 novembre 2021 - Maria Teresa Messidoro (*)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)