evento

Accendiamo un faro per la Palestina

17 marzo 2019
ore 15:00 (Durata: 4 ore)

La Palestina è teatro di una colonizzazione del territorio e della più lunga occupazione militare. La soluzione della questione Israelo Palestinese rimane un punto cardine per il martoriato Medio-Oriente e per tutti noi.
Nonostante gli accordi di Oslo del 1993, che hanno portato al mutuo riconoscimento tra Israele e OLP e alla creazione dell’Autorità Nazionale Palestinese, il riconoscimento dello Stato di Palestina da parte dell’ONU nel 2012, la pace e il diritto del popolo palestinese ad uno stato libero e democratico non sono ancora stati raggiunti.
Con questa iniziativa vogliamo riportare all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni a tutti i livelli la “questione Palestinese” e la ormai improrogabile necessità che il nostro governo riconosca lo Stato di Palestina e il Parlamento italiano torni a discutere e valutare le reali possibilità affinchè sia trovata la strada per la pace con giustizia in Palestina e Israele
Il programma prevede gli interventi di:
Luisa Morgantini - Presidente Assopace Palestina
Moni Ovadia - artista
Massimo Annibale Rossi – Presidente dell’Associazione “Vento di Terra” onlus ong
Fulvio Scaglione – scrittore e giornalista, già vice direttore di Famiglia Cristiana
Khader Tamini - rappresentante della Comunità Palestinese a Milano e Provincia
Valerio Zanolla – SPI CGIL Lombardia
Modera Ivano Tajetti
Oltre agli interventi dei relatori, sarà prodotto un video con illustrazione dei nodi problematici e piccoli filmati e immagini a testimonianza della situazione attuale.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
  • Latina
    14 donne e 10 uomini nel governo di Boric che entrerà in carica l’11 marzo

    Cile: i ministri che guardano al cambiamento

    Alla Difesa Maya Fernandez, la nipote di Salvador Allende, ma al Bilancio e in altri ministeri sono diversi gli esponenti della vecchia Concertación
    24 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Pace
    Kant e la guerra

    Solo il disarmo è razionale. La pace armata è guerra

    «Gli eserciti ed armamenti permanenti devono essere soppressi, perché sono già, con la loro sola esistenza, minaccia agli altri popoli, perciò violazione della pace, causa di insicurezza e quindi di corsa agli armamenti» (Kant)
    Enrico Peyretti (Centro Studi Sereno Regis, Torino)
  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)