evento

Sabato 16/03/2019 difendiamo il bosco ai Prati di Caprara

16 marzo 2019
ore 14:30 (Durata: 2 ore)

Bicibus Calderara si unirà alla manifestazione degli abitanti del quartiere.

Programma

Dalle ore 14,30 appuntamento all’ex Cierrebi in via Marzabotto 24, partenza alle ore 15 in punto. Il secondo ritrovo è all'incrocio tra via Marzabotto e via Emilia alle ore 15,30. La marcia prosegue per via Saffi, via San Felice e via Ugo Bassi. Arrivo previsto in Piazza Maggiore ore 16,45.

Molti si travestiranno da alberi per spiegare con le parole del Machbeth di Shakespeare che il re governerà fino a che il bosco non si muoverà.

Il Comune ha cominciato ad abbattere l'unico bosco naturale della zona, e questo non è accettabile. Ci guadagneranno pochi imprenditori e sarà distrutto un bene comune inestimabile.

Bologna ha un numero spropositato di appartamenti vuoti che i proprietari non affittano perché hanno paura di non essere pagati dagli inquilini e per le tasse esagerate, eppure il Comune vorrebbe permettere la costruzione di altri palazzi.
Ci hanno raccontato che aumenteranno gli studenti (!?!) portando alla crisi le scuole esistenti, pertanto ne vorrebbero fare un'altra.

Ci hanno raccontato che serve una bonifica delle bombe ed armi della II Guerra. Pensate che crediamo alla favola del campo minato?

Il 16 marzo parleranno gli alberi e racconteranno che anche il governo di Bologna dovrà temere di essere estirpato se continuerà a prenderci in giro.

Visitate il gruppo Fb "Rigenerazione NO Speculazione", organizzatore dell'evento.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)