evento

Presidio in difesa della salute e dell'ambiente

6 settembre 2019
ore 10:30 (Durata: 2 ore)

Ultimi aggiornamenti del 24 luglio:
COMUNICATO STAMPA DEL COMITATO "STOP ALLO SCEMPIO AMBIENTALE - GIUGLIANO":
ufficialmente rinviata la Conferenza di Servizi su Cava Giuliani.

Da qualche ora ci è giunta la comunicazione ufficiale dalla Regione Campania sul rinvio, in data da destinarsi, della Conferenza di Servizi che ha ad oggetto la possibilità di stoccare nuove balle di rifiuti a Giugliano, nella Cava Giuliani.

In funzione di ciò è rinviato anche il presidio che era stato organizzato per domani, per cui manteniamo alta l’attenzione sulla vicenda. Il Comitato seguirà tappa dopo tappa l’evoluzione della situazione e terrà i cittadini informati sulle prossime iniziative.

Intanto invitiamo i cittadini a partecipare al consiglio comunale di Giugliano, che si terrà oggi pomeriggio alle ore 19.00. Sarà un ulteriore momento per organizzare le prossime scadenze della mobilitazione popolare.

Facciamo girare tutti il messaggio e, soprattutto, non arretriamo di un solo passo!
---------------------------------------------------------------------------------------

Raccogliamo la spinta popolare dell’assemblea che si è tenuta martedì 16 luglio a Piazza Matteotti per rilanciare la mobilitazione in difesa della nostra terra.

Questa volta, a causa del blocco che interesserà l’inceneritore di Acerra tra agosto e settembre, Giugliano si candida a ospitare le balle che dovrebbero essere smaltite nel suddetto impianto.

Il Comitato “Stop allo scempio ambientale” di Giugliano si fa promotore della partecipazione alla Conferenza di Servizi, indetta per il giorno 25 luglio alle ore 10:30 per l’autorizzazione di un sito di stoccaggio dei rifiuti a Cava Giuliani, in Località Masseria del Pozzo, e coordina, raccogliendo la volontà popolare emersa dall’assemblea di Piazza Matteotti, un presidio presso il Centro Direzionale di Napoli, Isola C5, luogo in cui si terrà la Conferenza.

Giugliano ha già dato troppo, ma ci teniamo ad affermare che lo scempio ambientale va fermato ovunque, per cui siamo contrari all’ipotesi di stoccaggio in tutte le terre che hanno subito l’inquinamento incondizionato degli ultimi decenni, soprattutto in Campania!

Aggiungiamo che va rimesso seriamente in discussione tutto il ciclo di smaltimento della Regione, considerando che, al di là delle balle che dovrebbero essere stoccate a Cava Giuliani, l’ente regionale sta procedendo in maniera spedita per la costruzione di un nuovo impianto nella ex centrale Enel Turbogas sita sulla circonvallazione esterna di Giugliano, che dovrà servire per smaltire le annose e dannose balle di Taverna del Re!

Pretendiamo l’applicazione e l’estensione della legge n. 87/2007, in cui è scritto a chiare lettere che “nell’area «Flegrea» – ricompresa nei comuni di Giugliano in Campania, Villaricca, Qualiano e Quarto in provincia di Napoli, per il territorio contermine a quello della discarica «Masseria Riconta» – e nelle aree protette e nei siti di bonifica di interesse nazionale, non possono essere localizzati ulteriori siti di smaltimento finale di rifiuti”.

Ora basta. Basta scempio. Basta sciacallaggio politico. Basta lucro!

Partecipa e promuovi il prossimo incontro, che terremo lunedì 22 luglio a Piazza Matteotti ore 20.00. Costruiamo una netta opposizione all’ennesimo stupro del territorio!
Discuteremo dei contenuti del presidio e dell’organizzazione logistica (con eventuale organizzazione di un pullman che parta da Giugliano). Tutta la cittadinanza è chiamata alla partecipazione!

Comitato “Stop allo scempio ambientale – ovunque”

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)