evento

Giornata della Memoria 2020

27 gennaio 2020
ore 09:00 (Durata: 2 ore)

In occasione della Giornata della Memoria 2020 in cui si commemora la liberazione degli ebrei dai campi di sterminio nazisti, il Museo Ebraico di Lecce invita alle seguenti iniziative che uniscono alla memoria di eventi più recenti quella delle comunità ebraiche residenti in Salento in epoche più antiche.

La giornata, promossa dal Museo Ebraico di Lecce in collaborazione con Teatro dell'Argo e Cantine Leuci, è patrocinata dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Lecce, dal Comune di Lecce, dal Comune di Nardò e dall'UCEI (Unione Comunità Ebraiche Italiane).

PROGRAMMA:

- LUNEDI 27 GENNAIO alle ore 9.00 presso il Museo Ebraico di Lecce si terrà l’incontro "MEMORIA INDIVIDUALE E MEMORIA COLLETTIVA: UNA RIFLESSIONE SUL CONCETTO DI IDENTITÀ" alla presenza di Adi Kichelmacher, artista israeliana che il I dicembre 2019 ha inaugurato la mostra Le tracce del treno della vita. Tra arte e documenti per non dimenticare, curata da Ermanno Tedeschi e visitabile presso le sale del Museo fino al 28 febbraio 2020.

Le opere della Kichelmacher offrono uno spaccato dell’Europa del ‘900 e sottolineano le persecuzioni, le vessazioni quotidiane contro gli ebrei, le leggi razziali e le deportazioni nei campi di sterminio nazisti. Attraverso la sua arte e grazie ad un linguaggio fortemente emozionale, manifesta il profondo dolore per le umiliazioni e le sofferenze di tanti esseri umani, perché i ricordi se diventano arte non si dimenticheranno.

Alla giornata prenderanno parte studenti e docenti delle Scuole Secondarie che hanno visitato la mostra e partecipato al progetto "Memoria individuale e memoria collettiva: una riflessione sul concetto di identità". Gli elaborati realizzati dagli alunni e scelti dai docenti, verranno presentati ed esposti all’interno del Museo alla presenza dell’artista Adi Kichelmacher.

A seguire è prevista la proiezione di un videomessaggio di Moshe Haelion, originario di Salonicco, deportato ad Auschwitz e profugo nel campo di transito di Santa Maria al Bagno tra il 1945 e il 1946.

INGRESSO LIBERO.

- Alle ore 18.00 presso le sale del Museo Ebraico di Lecce Lecce verrà inaugurata la nuova mostra temporanea "IL PASSAGGIO DAL SALENTO DI UN SOPRAVVISSUTO AD AUSCHWITZ: LE MEMORIE DI MOSHE HAELION", a cura del Prof. Fabrizio Lelli, Direttore del Museo e Docente di Lingua e Letteratura Ebraica, Università del Salento.

La mostra presenterà un documento inedito di grande significato per la storia dei campi di transito del Salento: il diario in greco (con traduzione italiana) di Moshe Haelion deportato ad Auschwitz nel 1943 dalla natia Salonicco e giunto dopo un lungo periodo di prigionia nel campo di transito di Santa Maria al Bagno. La sua è al momento l’unica memoria estesa del passaggio dal Salento di un profugo greco. Gli ebrei greci furono tra i primi ad arrivare nel Salento dopo la liberazione dai campi nazisti: per la loro tradizione sefardita, non si integrarono mai del tutto nel gruppo maggioritario degli ebrei provenienti dall’Europa orientale.

A seguire, proiezione del videomessaggio di Moshe Haelyon.

INGRESSO LIBERO.



Per informazioni:

Museo Ebraico di Lecce
Tel. e Whatsapp: 0832 247016
Email: info@palazzotaurino.com
Web: www.palazzotaurino.com
___

On the occasion of the Holocaust Remembrance Day 2020, commemorating the liberation of the Nazi concentration camps, the Jewish Museum Lecce presents the following events:

MONDAY, JANUARY 27th - HOLOCAUST REMEMBRANCE DAY

9:00 am – Jewish Museum Lecce

INDIVIDUAL AND COLLECTIVE MEMORY: REFLECTING ON THE CONCEPT OF IDENTITY - Meeting with the Israeli artist Adi Kichelmacher, and illustration of her Traces of the train of life. Between art and documents, not to forget exhibition at the Jewish Museum Lecce. Afterwards, video message by Moshe Haelion, born in Thessaloniki, deported to Auschwitz and refugee in Santa Maria al Bagno DP Camp from 1945 to 1946.

FREE ADMISSION.

6:00 pm – Jewish Museum Lecce

MOSHE HAELION’S MEMORIES: AUSCHWITZ SURVIVOR PASSAGE IN SALENTO – Temporary exhibition curated by Fabrizio Lelli, Director of the Museum and professor of Hebrew Studies, University of Salento. Afterwards, video message by Moshe Haelion.

FREE ADMISSION.



INFO:

Jewish Museum Lecce
Ph. amd Whatsapp: +39 0832 247016
Email: info@palazzotaurino.com
Web: www.palazzotaurino.com

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Laboratorio di scrittura
    Chi fornisce a Taranto i dati orari del benzene?

    Antonio e i picchi del benzene

    Un esperto degli algoritmi da Londra manda i grafici dei picchi del benzene. Tra una pausa e l'altra del suo lavoro, sforna le cattive notizie che turbano la quotidianità degli ecotarantini che sanno leggere ascisse, ordinate e diagrammi cartesiani. Cronaca assurda in una città inquinata.
    2 febbraio 2023 - Alessandro Marescotti
  • CyberCultura

    Il Premier australiano sta solo fingendo di lavorare per liberare Julian Assange?

    Comincia a serpeggiare il sospetto che Anthony Albanese non si stia affatto interessando presso le autorità statunitensi, come invece egli ha preteso più volte, per il ritiro delle accuse contro il co-fondatore di WikiLeaks.
    2 febbraio 2023 - Patrick Boylan
  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)