evento

Forum nazionale per cambiare l'ordine delle cose

8 febbraio 2020
ore 10:00 (Durata: 2 ore)

‘CRISI D’ACCOGLIENZA’
8-9 FEBBRAIO 2020 – ROMA

Aggressioni razziste. Discorsi d’odio. Smantellamento dei percorsi di inclusione. Eliminazione della protezione umanitaria. Accordi con la Libia e altri paesi non sicuri. Retorica della paura.
E’ questo quello con cui dobbiamo confrontarci ogni giorno, nella nostra quotidianità. Un’escalation che ha visto il suo picco nella deriva populista e xenofoba di Salvini e nell’approvazione dei decreti sicurezza, le cui origini, però, possono essere scorte guardando indietro negli anni: in una politica che non ha avuto il coraggio di fare scelte aderenti alla realtà, preferendo piuttosto inseguire la propaganda. Vanno ricercate in questa mancanza di coraggio le responsabilità di molti problemi che oggi ricadono non solo sulle spalle dei migranti che vivono in Italia, ma anche di tutti e tutte noi che facciamo parte di questa società, troppo spesso lesiva, piuttosto che garante, dei diritti umani.

Per cambiare l’ordine delle cose, dobbiamo interrogarci su molte dinamiche emerse in questi anni. Troppo spesso l’accoglienza non ha promosso l’autodeterminazione, fermandosi piuttosto all’assistenzialismo. Il welfare sociale e le politiche di integrazione, laddove presenti, hanno diviso la comunità in italiani e stranieri, piuttosto che pensare a un miglioramento collettivo e rivolgersi alla società nel suo insieme. Infine, c’è un aspetto su cui è urgente interrogarsi: l’impossibilità, per chi vuole raggiungere l’Italia, di farlo in modo regolare e sicuro, senza dover entrare per forza nelle maglie della protezione internazionale o dell’illegalità. E’ necessario aprire un ragionamento sulla normativa attuale, che non prevede la possibilità di arrivare in Italia – e in Europa – in modo legale, se non presentando richiesta di protezione.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Ecologia
    Lo scorso 4 luglio ha provocato fortissime proteste dei cittadini di Taranto

    ArcelorMittal: dopo nube polveri, sospeso responsabile impianto

    Dopo la sospensione, sarebbe anche scattato il licenziamento del responsabile. Il tutto è da mettere in relazione con quanto accaduto il 4 luglio che ha spinto la Procura di Taranto ad aprire un’inchiesta, al momento senza indagati.
    14 luglio 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Editoriale
    Quello che vedete è il piedino di una bimba di quattro anni del quartiere Tamburi di Taranto

    Quando i piedini di una bambina fanno notizia

    La mamma ha lavato la casa domenica alle 22.30 e ieri alle 13.30 - con il vento che proviene dalla zona ILVA - le polveri sono di nuovo entrate in casa. La bambina di sei mesi si stava leccando le mani e la mamma l'ha subito lavata per paura della contaminazione
    14 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Cittadinanza
    Educazione alla cittadinanza attiva, seminario online il 15 luglio alle ore 21

    Le competenze chiave per diventare cittadini attivi

    Nel seminario online Daniele Marescotti illustrerà il suo libro "A scuola di cittadinanza attiva". Si parlerà di educazione alla cittadinanza globale, europea, scientifica, digitale ed economica, in rapporto con l'educazione al volontariato e alla legalità.
    13 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Nel paese continuano a comandare oligarchia e paramilitari

    Colombia: strage senza fine dei leader sociali

    Preoccupa anche il ritorno dei militari Usa
    13 luglio 2020 - David Lifodi
  • Latina
    Nicaragua

    Opposizione sul libro paga degli Stati Uniti (+ video)

    Giornalismo "indipendente", osservazione elettorale e diritti umani hanno ricevuto quasi $ 12 milioni nel 2018
    8 luglio 2020 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)