evento

5° Sciopero Globale per il Clima - Fridays for Future

24 aprile 2020
ore 07:00 (Durata: 2 ore)

Nessuno agisce, noi continuiamo a marciare.

Abbiamo meno di 8 anni per agire a livello globale prima che il processo di riscaldamento globale rischi di diventare irreversibile.
⏰ Guarda il countdown https://climateclock.world/

Possiamo ancora emettere 332 GigaTonnellate di CO2 prima di raggiungere i fatidici +1,5°C.

Sappiamo che questa riduzione delle emissioni è geofisicamente possibile. Eppure non stiamo agendo abbastanza rapidamente

Il mondo vede eventi estremi sempre più frequenti.
Incendi in Siberia, Africa, Amazzonia e Australia
Miliardi di persone allagate dai mari che salgono a causa dello scioglimenti dei ghiacci - e in milioni se la sono già trovata
Temperature di 19° registrare in Antartide
L'intero sistema economico che conosciamo rischia di collassare

❓ Cosa avrai di più importante da fare venerdì 24 maggio?
❓ Più importante un giorno di lavoro o far sentire la tua voce?
❓ Più importante un giorno di scuola o scendere in piazza?

L'ultima volta eravamo più di 7 milioni di persone in tutto il mondo.
Eppure eravamo ancora pochissimi: sul pianeta siamo più di 7 miliardi.

E si, tocca necessariamente a noi paesi più ricchi cominciare a tagliare le nostre emissioni.

✂️ Dovremmo azzerare le nostre emissioni nette prima del 2035.
Ma come pensiamo di farlo se mancano ancora i piani per arrivare a emissioni nette zero nel 2050?

Abbiamo ancora margini per fare tantissimo, e la transizione sta già avvenendo.
Ma non sta accadendo abbastanza in fretta.
Dobbiamo mobilitarci a livello personale, ma questo non è più MINIMAMENTE sufficiente!
Servono scelte politiche a livello istituzionale!

⚡ Chiediamo un FU.TU.RO.
- FUori dal fossile
- TUtti insieme, nessuno escluso
- ROmpiamo il silenzio, diamo voce alla scienza

Come se non bastasse, questa transizione altro non farebbe che creare più benessere e più giustizia per tutti.

Un mondo più giusto, ma soprattutto ancora un mondo ospitale per la specie umana.

Quel venerdì, fatti un favore.
Vieni in piazza con tutte le persone che conosci, e salviamo insieme il nostro futuro.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)