presentazione

Incontro con Manoocher Deghati e Ursula Janssen

15 maggio 2020
ore 19:00 (Durata: 2 ore)

Proseguono le dirette del Circolo Fotografico Il Castello.
Presentiamo Manoocher Deghati e sua moglie Ursula Janssen.
L'incontro ci darà l'occasione di conoscere il "romanzo biografico" scritto proprio dalla Janssen sulla vita di Deghati.
"HO VISTO" descrive la vita avventurosa e audace del fotoreporter irano-francese Manoocher Deghati sullo sfondo degli ultimi cinquant'anni di storia mondiale. Questi incontri storici fanno da sfondo a storie personali, sia drammatiche che comiche. Sono racconti di esperienze straordinarie, di incontri notevoli, di coincidenze incredibili e di numerosi aneddoti, alcuni dei quali sono più fantastici di quanto possa essere una storia inventata. Allo stesso tempo illustrano la natura dell'oppressione, la ricerca e la lotta per la libertà e una gioia di vivere indistruttibile.

Appuntamento venerdi 15 maggio alle 19.00 su https://www.facebook.com/cfilcastello

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
392 500 0997
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Dal sito

  • Voltana
    Ho raccontato la corsa a perdifiato di mio padre per sfuggire ai tedeschi

    Il ricordo più bello di quest'anno scolastico

    Una mamma mi ha fermato per dirmi che quella storia non l'avrebbe mai dimenticata e che suo figlio gliel'aveva raccontata. Vorrei una scuola così, che lasci un ricordo e storie da custodire, perché la vita, anche in classe, può diventare bella, indimenticabile e commovente.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Taranto Sociale
    E l'ultima notizia è che concedono altri 14 mesi di proroga alla copertura dei nastri trasportatori

    Volevano tanto bene a Taranto

    Ma si sono dimenticati i tarantini nel forno. I bambini esplodevano uno dopo l'altro come chicchi di pop-corn. E gli ultimi che avrebbero dovuto aprire il portellone non l'hanno fatto.
    31 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Lo dichiara il quotidiano cattolico Avvenire

    "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"

    La guerra a Gheddafi non ha portato la democrazia e la libertà. In Libia si tortura e si violano pesantemente i diritti umani. Profughi in catene, ustionati e denutriti, aggrediti con acido, picchiati con martelli e tubi.
    31 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Laboratorio di scrittura
    L’umanità ama in quanto scrive

    L’amore per lo scrivere

    La scrittura è un atto d’amore per se stessi e per gli altri 
    30 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Editoriale

    Sollevare un ginocchio di qualche centimetro

    28 maggio 2020 - Peppe Sini (Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera di Viterbo)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)