Citizen science

Un esempio di citizen science tramite gli open data

Osservatorio Mortalità

Un osservatorio della mortalità in una città consente di individuare in tempo reale l'esistenza di criticità in alcuni quartieri o in alcune aree della popolazione esposte a particolari fonti di inquinamento. I cittadini possono chiedere alle amministrazioni comunali i dati ed elaborarli.
28 dicembre 2018
Redazione PeaceLink

E' una cosa purtroppo semplicissima: basta conteggiare i morti.

I sindaci potrebbero e dovrebbero porre attenzione alla mortalità nel proprio territorio per monitorare lo stato di salute dei cittadini. Hanno i dati per farlo, ma spesso non lo fanno.

Un osservatorio della mortalità in una città consente di individuare in tempo reale l'esistenza di criticità in alcuni quartieri o in alcune aree della popolazione esposte a particolari fonti di inquinamento. Se non lo fanno i sindaci lo possono fare i cittadini: contare i decessi disaggregandoli per anno, quartiere, sesso, età.

I cittadini possono infatti richiedere alle amministrazioni comunali i dati ed elaborarli. Sono open data. E averli è un diritto. Citizen science

La fonte dei dati sulla mortalità si divide in due grandi gruppi:

1) mortalità per cause di morte (modelli D4 e D4 Bis) che ci consente di redigere studi epidemiologici e specifici su singole o plurime cause di morte;

2) mortalità su dati di anagrafe e stato civile comunali (Modelli D7A e D7B) che ci consente di redigere studi su quozienti, grezzi e specifici, di mortalità e determinare tavole di mortalità e speranza di vita.

L'osservatorio potrebbe essere prima sperimentato dai cittadini (mediante un rigoroso approccio di citizen science, con la collaborazione di esperti) e poi proposto ai sindaci.

L’osservatorio potrebbe, così, elaborare costantemente, e trasferire loro, oltre i risultati delle ricerche, le migliori metodologie e prassi per una sistematica analisi del fenomeno, che oggi è di fondamentale importanza conoscere, anche per le politiche che gli enti territoriali, la Regione ed il Governo devono attuare in questo territorio.

Un osservatorio così definito consente di avere un monitoraggio continuo, in real time, della situazione della mortalità nel comune. E' importante ricostruire le tavole di mortalità per aree suburbane omogenee dotando, quindi, le istituzioni ed i ricercatori di potenti ed aggiornati strumenti di analisi.

Fare un osservatorio mortalità, utilizzando le competenze degli statistici e degli epidemiologi, in collegamento con team di cittadini, è un esperimento di citizen science. A proporlo è stato in Italia in particolare il dott. Valerio Gennaro. Sull'osservatorio mortalità vi sono già esperienze. Cliccare qui.

Allegati

Articoli correlati

  • Avevamo ragione: "rischio non accettabile" con l'attuale ILVA di ArcelorMittal
    Editoriale
    Pubblicata la VIIAS (Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario)

    Avevamo ragione: "rischio non accettabile" con l'attuale ILVA di ArcelorMittal

    Rischio inaccettabile anche con una produzione di 4,7 milioni di tonnellate di acciaio all'anno. I ricercatori su "Epidemiologia & Prevenzione" mettono nero su bianco una valutazione predittiva dei danni alla salute delle emissioni siderurgiche attuali
    23 ottobre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Relazione di PeaceLink al Ministro Fioramonti
    Ecologia
    Incontro a Taranto

    Relazione di PeaceLink al Ministro Fioramonti

    La copertura dei parchi minerali non ha abbattuto le polveri sottili. I dati sono frutto di una dettagliata analisi degli ultimi due anni. Intanto nei quartieri più vicini all'area industriale (Tamburi, Paolo VI, Borgo) continua a registrarsi un eccesso di mortalità: 55 uomini e 21 donne.
    20 ottobre 2019 - Associazione PeaceLink
  • Peacelink, insufficiente coprire parchi minerali 
    Taranto Sociale
    L'incontro si svolgerà nel plesso Falcone dell’istituto Pirandello nel rione Paolo VI di Taranto

    Peacelink, insufficiente coprire parchi minerali 

    “L’avvio della copertura dei parchi minerali non ha avuto l’effetto sperato sulla riduzione delle polveri sottili”. Lo dice su ArcelorMittal di Taranto l’associazione Peacelink in un documento che consegnerà stamattina al ministro della Pubblica istruzione Lorenzo Fioramonti
    21 ottobre 2019 - Agenzia stampa AGI
  • Troppi decessi in nove anni nelle zone vicine all'industria
    Taranto Sociale
    Taranto, l'analisi dei dati presentata da PeaceLink

    Troppi decessi in nove anni nelle zone vicine all'industria

    Nei quartieri Tamburi, Paolo VI e Borgo dal 2010 al 2012 la media annua è 82 morti in più, dal 2013 al 2015 l'eccesso di mortalità scende a 74 per poi risalire a quota 78 nel triennio 2016-2018
    Paola Casella
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.31 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)