Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Gli Usa "nascondono a casa i feriti" sotto un velo di silenzio

Il Pentagono è stato accusato di nascondere sotto silenzio negli Stati Uniti i soldati feriti in Iraq per evitare cattiva pubblicità sul numero di militari feriti e menomati nel conflitto. Ai media è stato anche impedito di fotografare soldati feriti al loro arrivo negli ospedali.
12 aprile 2005 - Andrew Buncombe
Fonte: The Independent - 10 aprile 2005

Symbols of death Il Pentagono è stato accusato di nascondere sotto silenzio negli Stati Uniti i soldati feriti in Iraq per evitare cattiva pubblicità sul numero di militari feriti e menomati nel conflitto. Ai media è stato anche impedito di fotografare soldati feriti al loro arrivo negli ospedali.

Le registrazioni mostrano come i voli provenienti dalle basi militari in Germania arrivino solo di notte. Gli ufficiali dicono che è solo a causa delle pressioni sulle pianificazioni dei voli, non una tattica deliberata per minimizzare un'eventuale pubblicità discreditante. Dicono anche che lasciare l'Europa a tarda ora permetterebbe ai soldati di dormire meglio la notte precedente.

Ma molti credono che non sia così. Come l'amministrazione Bush ha imposto ai media il divieto di fare foto alle bare dei soldati di ritorno dall'Iraq al loro arrivo negli USA, secondo gli oppositori ora starebbe cercando di occultare il numero dei feriti.

"Il pubblico americano ha informazioni molto limitate sul reale impatto di questa guerra" dice Ellen Taylor, portavoce del gruppo pacifista Code Pink che aveva inscenato una protesta davanti al Walter Reed military hospital di Washington, dove vengono condotti la maggior parte dei feriti. "Penso che molte cose su questa guerra siano nascoste al pubblico. E' per questo che protestiamo".

Non è neanche chiaro quanti soldati siano rimasti feriti dall'inizio della "guerra al terrore" del presidente Bush. Il Pentagono calcola circa 12.000 evacuati dai campi di battaglia in Afghanistan ed Iraq, anche se visto che gli ufficiali inseriscono nelle liste delle vittime solo chi è colpito direttamente da bombe o pallottole il conto totale tra morti e feriti dovrebbe arrivare vicino a 25.000. Il Walter Reed dichiara di aver ricoverato 4.000 pazienti provenienti dall'Iraq.

"Gli arrivi notturni sono un beneficio per il paziente, perché gli permettono una regolare notte di sonno e una visita preliminare dei medici europei che ne assicuri la possibilità di intraprendere il lungo viaggio, prima di essere spostati dal centro medico regionale di Landstuhl alla base aereonautica di Ramstein e messi sull'aereo" dice una portavoce dell'ospedale, Lyn Kurkal. "Non c'è alcun tentativo da parte del Walter Reed di nascondere in numero dei pazienti che riceviamo. Al contrario, fin dall'inizio dell'Operazione Iraqi Freedom, l'ufficio di pubbliche relazioni del Walter Reed ha rilasciato un comunicato stampa a settimana che includeva il numero di evacuati ricevuti nel corso della settimana".

E un portavoce dell'Air Mobility Command aggiunge: "Non ci sono politiche che danno direttive su arrivi notturni o necessità di evitare contatti con il pubblico. Nè le pubbliche relazioni nè la percezione del pubblico hanno un ruolo nella programmazione dei voli".

Le trasvolate dalla Germania su un aircraft C-141 Starlifter può durare anche 10 ore. Ma, viste le sei ore di differenza tra Europa e USA, i soldati potrebbero partire da Ramstein a mezzogiorno ed arrivare alla base Air Force di Andrews, vicino a Washington, per le quattro del pomeriggio.

Paul Rieckhoff, fondatore di Operation Truth, un gruppo organizzato a favore dei veterani di Iraq e Afghanistan, ha dichiarato: "[Una copertura] sarebbe coerente con tutto quel che hanno già fatto. Sarebbe parte di uno sforzo per nascondere al pubblico americano il costo di questa guerra. Non è sorprendente, ma piuttosto deprimente. Dovrebbe far arrabbiare la gente".

All'inizio del 2003, Mr Bush rilasciò un ordine presidenziale che impediva ai media di fare foto alle bare dei soldati rimandate dall'Iraq al loro atterraggio, di solito alla base di Dover in Delaware. Anche ai genitori dei soldati morti è spesso stato impedito di incontrare là le bare. La controversia è stata sollevata quando l'anno scorso il Penatgono ha rilasciato una serie di foto dopo l'approvazione del Freedom of Information Act, ma poi le ha ritirate.

Ma gli ufficiali impediscono ai media anche di fotografare i feriti al loro arrivo al Walter Reed o al National Naval Medical Centre nella vicina Bethesda. Ms Kurkal ha dichiarato domenica all'Independent: "Non permettiamo più di fare tali foto per motivi di privacy". Nonostante questo, un reporter di un giornale online è riuscito recentemente ad entrare nel Walter Reed e a fotografare dei soldati feriti, con il solo impegno di non rivelarne l'identità.

Nancy Lessin di Military Families Speak Out, un gruppo costituito da familiari dei soldati americani, ha detto: "L'intera amministrazione Bush sta cercando di nascondere al pubblico quanto costa questa guerra. L'intera faccenda delle vittime è stata notevolmente nascosta."

Note:

Articolo originale:

http://news.independent.co.uk/world/americas/story.jsp?story=627924

Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it.
Il testo può essere liberamente utilizzato a scopi non commerciali indicando la fonte, l'autore e la traduttrice.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)