Conflitti

La soldatessa fotografata mentre teneva al guinzaglio un detenuto di Abu Ghraib è stata inoltre radiata dall'esercito

Iraq, Lynndie England condannata a tre anni di carcere

Al momento della lettura della sentenza la donna è scoppiata a piangere
8 ottobre 2005
La Repubblica

NEW YORK - Lynndie England, la soldatessa fotografata mentre teneva al guinzaglio un prigioniero iracheno nel carcere di Abu Ghraib, è stata condannata a tre anni di carcere da un Corte marziale americana, a Fort Hood, in Texas, ed è stata radiata dall'esercito.

Prima che la giuria militare si riunisse e decidesse la pena in meno di due ore, la donna si era scusata davanti alla Corte Marziale per lo scandalo da lei provocato con alcuni commilitoni, e aveva detto che resta tuttora una cittadina americana piena di amor di patria.

Lynndie, scoppiata a piangere al momento della lettura della sentenza, ha testimoniato nella fase della definizione della sentenza dopo che una giuria militare l'aveva riconosciuta colpevole di maltrattamento su prigionieri e atti osceni. La giovane donna, che ha un bambino di 11 mesi concepito a Abu Ghraib, rischiava fino a dieci anni di carcere.

Quello che l'ha vista imputata in queste ore è stato l'ultimo processo per il gruppo di riservisti accusati degli abusi a Abu Ghraib, ai quali il Pentagono ha addossato tutta la colpa dei maltrattamenti le cui foto nell'aprile 2004 fecero il giro del mondo.

Solo due militari tra cui l'ex caporale Charles Graner, considerato il capo degli aguzzini, sono stati condannati a pene detentive. Graner è il padre del bimbo avuto da Lynndie: rientrato dall'Iraq ha sposato Meghan Anbuhl, un'altra secondina di Abu Ghraib, dietro le sbarre di una prigione: salvo sconti di pena tornerà a essere libero tra dieci anni.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"
    Migranti
    Lo dichiara il quotidiano cattolico Avvenire

    "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"

    La guerra a Gheddafi non ha portato la democrazia e la libertà. In Libia si tortura e si violano pesantemente i diritti umani. Profughi in catene, ustionati e denutriti, aggrediti con acido, picchiati con martelli e tubi.
    31 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)