Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Gli occidentali usano la strategia del terrore per prolungare la propria presenza in Iraq?

Ressa di notizie su un fallito attentato a Baghdad: secondo gli iracheni i terroristi erano americani.
15 ottobre 2005 - Pina Sozio

Ormai lo scenario iracheno è arrivato ad un punto tale di assurdità e di violenza che le stragi quotidiane di civili o militari non fanno più scalpore. Ogni tanto, però, ci si trova di fronte a notizie paradossali, tali da scardinare qualunque certezza o parametro di giudizio preconfezionato su questa guerra.
Martedì 11 ottobre un gruppo di residenti di Baghdad ha sventato un attentato in una zona residenziale della capitale, accorgendosi della presenza di un'auto imbottita di esplosivo.Fin qui tutti d'accordo. Sono i particolari dell'avvenimento, raccontati in maniera molto diversa da una agenzia irachena e dall'esercito americano, a destare allarme.
Ecco le due versioni a confronto.
La prima è diffusa da Iraqwar, che titola: «Civili iracheni catturano due americani travestiti da arabi che cercano di far esplodere un'autobomba". Secondo il sito, che si avvale della traduzione di Muhammad Abu Nasr da Quds Press, martedì 11 ottobre alcuni iracheni avrebbero catturato due americani travestiti da arabi mentre tentavano di far esplodere un'autobomba nel distretto al-Ghazaliyah a ovest di Baghdad. Gli abitanti del distretto hanno dichiarato a Quds Press di aver trattenuto i due mentre stavano lasciando la loro auto nella zona, perchè apparivano sospetti. I residenti, essendosi subito accorti che erano americani, avrebbero chiamato la polizia "fantoccio" irachena. Secondo l'agenzia, cinque minuti dopo l'arrivo della polizia, è comparsa sulla scena una numerosa pattuglia di militari USA che ha velocemente portato via i due americani con un fuoristrada, tra lo stupore dei residenti.
Quds Press sostiene di aver interpellato per telefono un membro della polizia di al-Ghazaliyah che avrebbe confermato l'accaduto, dichiarando che i due uomini non erano arabi, senza ulteriori precisazioni rispetto alla loro nazionalità. L'agenzia ha anche sottolineato che circa un mese fa, la solita polizia irachena aveva arrestato due britannici accusati di aver tentato di causare un'esplosione, stavolta nella città di Bassora.

Ecco invece la versione ufficiale statunitense, diffusa dal CENTCOM, il Comando Centrale della US Force: «Soldati USA trovano e disinnescano un'autobomba grazie al suggerimento di iracheni". Secondo il rapporto, una task force di marines a Baghdad avrebbe disinnescato un'autobomba grazie alla segnalazione di alcuni cittadini. I soldati stavano pattugliando la zona, quando un gruppo di iracheni avrebbe fatto loro segno di fermarsi per indicare la presenza di un veicolo sospetto nelle vicinanze. Il bollettino americano, che non parla assolutamente della cattura dei terroristi, si conclude informando che in seguito alla segnalazione, un team di artificieri sarebbe stato inviato sul luogo per far detonare in sicurezza l'autobomba.

Non sapremo mai la verità su questo, come su molti altri avvenimenti di questa sporca guerra. L'informazione è incompleta e manovrata dai terroristi, dalla resistenza, dalle truppe occidentali, dal governo iracheno. Ipotizzando, però, come credibile la versione di Quds Press, ci appare in tutto il suo orrore la follia in cui si sta sprofondando per giustificare la presenza straniera in Iraq, dato che i terroristi in realtà sono l'unica scusante per rimanere nel paese.

Note:

http://www.iraq-war.ru/article/66519

http://www.centcom.mil/CENTCOMNews/News_Release.asp?NewsRelease=20051049.txt

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)