Conflitti

Un altro alleato se ne va

Il Giappone ritira le sue truppe dall'Iraq

Non interveniva in un conflitto dal 1945
Giacomo Alessandroni20 giugno 2006

Il primo ministro giapponese Junichiro Koizumi - in accordo con i leade dell'opposizione governativa - ha annunciato un piano per il ritiro delle truppe del suo paese dal sud dell'Iraq, da ultimarsi entro il mese di luglio 2006.

L'annuncio ufficiale è venuto poco dopo che il primo ministro iracheno ha annunciato che a Baghdad le forze militari prederanno il controllo della sicurezza della provincia meridionale di Muthanna proprio a luglio, dove i britannici sono al comando di un contingente multinazionale assieme alle truppe giapponesi.

Attualmente le truppe giapponesi sono impegnate nella ricostruzione di edifici e nell'addestramento di personale medico.

Il fatto è di enorme importanza se si considera che il Giappone non interveniva in un conflitto dal 1945.

Come sarebbe naturale aspettarsi, l'impegno militare più rischioso preso dal Giappone dai tempi della Seconda Guerra mondiale è stato lodato da Washington, ma contrastato da molti elettori in patria.

Le forze armate del sollevante non hanno subito perdite - né morti né feriti - nonostante questo il premier Junichiro Koizumi aveva rischiato la crisi di governo nel 2004 quando vennero rapiti tre civili giapponesi.

In seguito al ritiro, ha annunciato il governo di Bagdad, la provincia sarà la prima a passare sotto il controllo diretto delle forze irachene.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Schede
    Breve scheda

    Sadako Sasaki (1943-1955)

    Questa bambina, sopravvissuta al bombardamento atomico di Hiroshima del 6 agosto 1945, all'età di undici anni fu colpita da una grave forma di leucemia, conseguenza delle radiazioni della bomba atomica. Con la tecnica dell'origami realizzò tante gru con qualsiasi carta
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)