Conflitti

Famiglia Cristiana: No al cavanserraglio sull'Iraq

1 maggio 2004
Fulvio Scaglione
Fonte: Famiglia Cristiana - 02 maggio 2004

Non bisogna dar retta al cavanserraglio di giornalisti governativi, generali in pensione, politicanti e filoamericani da operetta. Il calderone iracheno ribolle, ma con dinamiche logiche e prevedibili. Abbiamo scritto per mesi che il Consiglio di Governo iracheno, messo insieme dagli Usa in spregio alla realtà etnica, religiosa e politica dell'Irak, non poteva reggere: e infatti adesso i vari Chalabi e compagnia vengono scaricati. Che il terrorismo in terra irachena non era un "corpo estraneo" rispetto ai sentimenti di tanti iracheni: dopo Falluja, anche il cavanserraglio è costretto ad ammetterlo. Che la guerriglia non era in crisi, ma stava, anzi, raffinando e ampliando i proprio obiettivi: ed ecco che arrivano le insurrezioni di massa e gli attacchi ai terminal petroliferi. Ma la cosa più straordinaria è il progetto di richiamare in servizio i vecchi gerarchi del partito Baat' che avevano così ben assecondato Saddam in tanti anni di sanguinaria dittatura. Che siano diventati tutti dei convinti democratici? Al di là degli aspetti grotteschi, la mossa riporta agli anni '80. Allora la Casa Bianca sosteneva Saddam Hussein e si serviva di lui per contrastare il regime sciita dell'Iran. Ora gli uomini di Saddam tornano in servizio per aiutare gli Usa a piegare gli sciiti iracheni. La conclusione è questa: gli Usa hanno fatto una guerra, provocato migliaia di morti, portato allo sfacelo un Irak già prostrato, offerto nuove occasioni al terrorismo, indebolito l'Onu e spaccato l'Europa solo per togliere di mezzo un uomo, Saddam. Non aiuta a capire, infine, chi accosta l'operato della Croce Rossa italiano a quello delle truppe Usa. Il problema è che troppi di coloro che pontificano non sono mai stati in Irak. Organizziamo per loro soggiorni prolungati dalle parti di Falluja ...

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)