Conflitti

I bambini muoiono mentre i somali fuggono dalla fame

"Lo abbiamo seppellito e abbiamo continuato a camminare"

La peggiore siccità degli ultimi quattro decenni e il forte aumento dei prezzi dei prodotti alimentari causato dalla guerra in Ucraina hanno lasciato quasi la metà della popolazione somala alle prese con una grave carenza di cibo
22 dicembre 2022
Ilaria Falvo
Tradotto da Ilaria Falvo per PeaceLink

Gli insediamenti di fortuna per gli sfollati, come questo a Doolow, nella regione meridionale di Gedo, si stanno espandendo con persone in cerca di cibo e acqua, sicurezza e stabilità.

DOOLOW, Somalia – Quando il suo raccolto fallì e le sue capre assetate morirono, Hirsiyo Mohamed lasciò la sua casa nel sud-ovest della Somalia, portando e convincendo tre dei suoi otto figli nel lungo cammino attraverso un paesaggio spoglio e polveroso con temperature che raggiungono i 40 gradi.

Lungo la strada, suo figlio di 3 anni e mezzo, Adan, le ha tirato la veste, implorando per avere cibo e acqua. Ma non c’era niente da dargli, ha detto. “Lo abbiamo seppellito e abbiamo continuato a camminare”.

Raggiunsero un campo di soccorso nella città di Doolow dopo 4 giorni, ma la sua figlia malnutrita di 8 anni, Habiba, ha subito contratto la pertosse ed è morta, ha detto. Seduta nella sua tenda improvvisata il mese scorso, tenendo sul grembo sua figlia di 2 anni e mezzo, Maryam, ha affermato, “Questa siccità ci ha uccisi”.

La peggiore siccità degli ultimi quattro decenni sta mettendo in pericolo vite in tutto il Corno d’Africa, con fino a 20 milioni di persone in Kenya, Etiopia e Somalia che rischiano la fame entro la fine di quest’anno, secondo il World Food Programme (Programma alimentare mondiale).

L'invasione russa dell'Ucraina sta aggravando la situazione, interrompendo la maggior parte delle importazioni di grano da cui dipende la Somalia e aumentando drasticamente i prezzi di carburante, cibo e fertilizzanti.

La minaccia della fame in tutta l'Africa è così grave che la scorsa settimana il capo dell'Unione africana, il presidente Macky Sall del Senegal, ha fatto appello al presidente russo Vladimir V. Putin affinché revocasse il blocco sulle esportazioni di grano e fertilizzanti ucraini, anche se i diplomatici americani hanno avvertito degli sforzi russi per vendere il grano ucraino rubato alle nazioni africane.

La crisi più devastante si sta verificando in Somalia, dove circa sette milioni dei 16 milioni di persone stimate nel paese affrontano gravi carenze alimentari. Da gennaio, almeno 448 bambini sono morti per malnutrizione acuta grave, secondo un database gestito dall'UNICEF.

Secondo il servizio di monitoraggio finanziario delle Nazioni Unite, i donatori di aiuto, concentrati sulla crisi in Ucraina e sulla pandemia di coronavirus, hanno stanziato solo il 18% circa degli 1,46 miliardi di dollari necessari per la Somalia. "Questo metterà il mondo in un dilemma morale ed etico", ha affermato El-Khidir Daloum, direttore del paese somalo per il World Food Programme, un'agenzia delle Nazioni Unite.

Con i fiumi bassi, i pozzi asciutti e il bestiame morto, le famiglie camminano o salgono su autobus e asini, a volte per centinaia di chilometri, solo per trovare cibo, acqua o cure mediche di emergenza.

I genitori affluiscono nella capitale, Mogadiscio, portando i figli malnutriti in strutture sanitarie come il Benadir Hospital, uno dei pochi nel Paese con un'unità di stabilizzazione pediatrica. Durante una recente visita, i letti erano pieni di bambini ossuti con pelle squamosa e capelli che avevano perso il loro colore naturale a causa della malnutrizione. Molti dei bambini avevano anche malattie come il morbillo e venivano nutriti attraverso tubi nasali e avevano bisogno di ossigeno per respirare.

Le madri sedevano nei corridoi, nutrendo lentamente i loro figli con la pasta a base di arachidi usata per combattere la malnutrizione. Secondo l'UNICEF, il prezzo di questo prodotto salvavita dovrebbe aumentare fino al 16% a causa della guerra in Ucraina e della pandemia, che hanno reso più costosi ingredienti, imballaggi e catene di approvvigionamento.

Nell'unità di trattamento del colera dell'ospedale, Adan Diyad teneva la mano di suo figlio di 4 anni, Zakariya, mentre le costole sporgenti del ragazzo si sollevavano. Il signor Diyad aveva abbandonato i suoi campi di mais e fagioli nella regione sud-occidentale di Bay dopo che il fiume si era abbassato.

Si stabilì a Mogadiscio in un affollato campo per sfollati con sua moglie e tre figli, dove non avevano servizi igienici e acqua pulita a sufficienza. Senza un lavoro, non poteva sfamare la sua famiglia. Zakariya, di solito allegro, divenne emaciato. La notte prima che il signor Diyad lo portasse in ospedale, ha detto che continuava a sentire il battito cardiaco di suo figlio per assicurarsi che non fosse morto.

"Non riusciva nemmeno ad aprire gli occhi quando l'ho portato qui", ha detto il signor Diyad.

Il signor Diyad e la sua famiglia sono tra le 560.000 persone sfollate a causa della siccità quest'anno. Ben tre milioni di somali sono stati inoltre sfollati a causa di conflitti tribali e politici e della minaccia sempre crescente del gruppo terroristico Al Shabab.

Nelle aree rurali della Somalia meridionale e centrale, il pericolo e la scarsa rete stradale hanno reso difficile per le autorità o le agenzie umanitarie raggiungere i bisognosi. Le Nazioni Unite stimano che quasi 900.000 somali vivano in aree inaccessibili controllate dagli Shabab, anche se gli operatori umanitari ritengono che queste cifre siano più alte.

Mohammed Ali Hussein, il vice governatore della regione meridionale di Gedo, ha riconosciuto che le autorità locali spesso non sono state in grado di avventurarsi fuori dalle aree che controllano per soccorrere i bisognosi, anche quando hanno ricevuto una richiesta di soccorso.

Eventi meteorologici estremi, alcuni legati al cambiamento climatico, hanno devastato anche le comunità, portando inondazioni improvvise, cicloni, temperature in aumento, un'infestazione di locuste che ha distrutto i raccolti e, ora, quattro stagioni consecutive di piogge fallite.

"Queste crisi continuano a succedere una dopo l'altra", quindi le persone non hanno avuto la possibilità di ricostruire le loro fattorie o mandrie, ha affermato Daniel Molla, capo consulente tecnico per l'alimentazione e la nutrizione per la Somalia presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura.

Coloro che sono stati sradicati dalla siccità stanno arrivando in paesi e città dove molti stanno già lottando per permettersi il cibo.

La Somalia importa oltre la metà del suo cibo e i poveri in Somalia spendono già dal 60 all'80% del loro reddito in cibo. La perdita di grano dall'Ucraina, i ritardi nella catena di approvvigionamento e l'aumento dell'inflazione hanno portato a forti aumenti dei prezzi dell'olio da cucina e di alimenti di base come riso e sorgo.

In un mercato nella città di confine di Doolow, più di due dozzine di tavoli sono stati abbandonati perché i venditori non potevano più permettersi di immagazzinare il prodotto delle fattorie locali. I restanti rivenditori vendevano misere scorte di pomodorini, limoni essiccati e banane acerbe ai pochi clienti che arrivavano.

Alcuni degli acquirenti erano sfollati con buoni alimentari di gruppi umanitari, preoccupati per l'aumento dei prezzi del cibo.

Commercianti come Adan Mohamed, che gestisce un negozio di succhi e snack, affermano di aver dovuto aumentare i prezzi dopo che i costi di zucchero, farina e frutta sono aumentati vertiginosamente. "Tutto è costoso", ha detto il signor Mohamed mescolando ananas importati dal Kenya. E con i salari relativamente invariati, molti somali hanno affermato di aver ridotto la carne e il latte di cammello. Oltre tre milioni di animali da gregge sono morti dalla metà del 2021, secondo le agenzie di monitoraggio.

La siccità sta anche mettendo a dura prova i sistemi di sostegno sociale da cui dipendono i somali durante le crisi.
Mentre migliaia di persone affamate e senzatetto hanno invaso la capitale, le donne della cooperativa Hiil-Haween hanno cercato modi per sostenerle. Ma di fronte alle loro bollette, molte delle donne hanno affermato di avere poco da offrire. Hanno raccolto vestiti e cibo per circa 70 sfollati.

"Siamo dovuti entrare in profondità nella nostra comunità per trovare qualcosa", ha detto Hadiya Hassan, che è a capo della cooperativa.

Gli esperti prevedono che l'imminente stagione delle piogge da ottobre a dicembre molto probabilmente fallirà, spingendo la siccità fino al 2023. Le previsioni stanno preoccupando gli analisti, i quali affermano che il deterioramento delle condizioni e il ritardato aumento dei finanziamenti potrebbero rispecchiare la grave siccità del 2011 che ha ucciso circa 260.000 somali.

"Ci sono echi spaventosi del 2011", ha detto Daniel Maxwell, professore di sicurezza alimentare alla Tufts University che ha co-scritto il libro "Famine in Somalia".

Per ora, la spietata siccità sta costringendo alcune famiglie a scelte difficili.

Di ritorno all'ospedale Benadir di Mogadiscio, Amina Abdullahi ha guardato la figlia di 3 mesi gravemente malnutrita, Fatuma Yusuf. Stringendo i pugni e ansimando per respirare, la bambina emise un debole pianto, strappando sorrisi ai medici che erano felici di sentirla fare qualsiasi rumore.

"Era immobile come un morto quando l'abbiamo portata qui", ha detto la signora Abdullahi. Ma anche se la bambina aveva preso più di un chilo in ospedale, era ancora sotto i cinque chili in tutto, nemmeno la metà di quello che avrebbe dovuto essere. I medici hanno detto che ci sarebbe voluto del tempo prima che venisse dimessa.

Questo ha addolorato la signora Abdullahi. Aveva lasciato altri sei bambini a Beledweyne, a circa 200 miglia di distanza, in una piccola fattoria disseccata con le sue capre morenti.

"La sofferenza a casa è indescrivibile", ha detto. “Voglio tornare dai miei figli”.

Tradotto da Ilaria Falvo per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: "We Buried Him and Kept Walking’: Children Die as Somalis Flee Hunger"

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)