Conflitti

Dal Presidio di Assopace a Nablus (IV)

30 maggio 2004
Giorgio Stern
Fonte: Assopace

Nablus, 27 maggio 2004

Verso le 23 di ieri sera un quindicina di camionette ed un mezzo piu' grosso
dell'esercito israeliano sono entrati a Nablus. Li abbiano visti nel lasciare
il Centro giovanile del Medical Relief. Era il segno di una "operazione"
importante. Ma solo verso le quattro del mattino abbiamo sentito i boati
che motivavano la spedizione.
Con il sole alto siamo entrati nella prima delle due case distrutte dai
sicari di Sharon nella Citta' Vecchia e, qualche decina di minuti dopo,
nella seconda. L'odore dell'esplosione si percepiva ancora tra le pareti
distrutte, tra i travi pericolanti e le macerie che assommavano pietre,
legno, vetri e la poltiglia delle povere cose delle sei famiglie rimaste
senza piu' niente. Una quarantine di persone, che ci hanno accolto con un
compostezza ed una dignita' che sottolineava, se ve ne fosse stato bisogno'
l'empieta' del gesto degli occupanti.
Circondate le due abitazioni, alle 23 e 30, il commando, composto da un
centinaio di israeliani, ha imposto alle famiglie l'uscita immediata, senza
poter prendere nulla, ne' i vestiti dei ragazzini che dormivano, ne' il
latte per i piu' piccoli. Fuori subito! E gli artificeri hanno lavorato
ad approntare le cariche.
Alcune ore dopo le esplosioni.
Non e' difficile descrivere cio' che abbiamo visto, piu' difficile e fare
il percorso a ritroso e, nella notte fonda, piu' fonda ancora in quel dedalo
di viuzze, tentare di capire lo shock di quella gente. Qual'e' il sogno
che quei bambini faranno per tutto il resto della loro vita?
Sogno?
Quando siamo usciti dalla Citta Vecchia abbiamo incontrato la troupe di
Al Jazeera. Ci e' sfuggita la presenza di E. G. della Loggia, della signora
F. Nirenstein, del sig. Fuad Hallam, ne' abbiamo notato alcuna troupe della
RAI.
Peccato, avrebbero imparato molto da questa gente.
La citta' e' stata dichiarata Zona militare chiusa. Lo sappiamo ora (17,30)
quando telefona il nuovo volontario, giunto da poco in Palestina per darci
il cambio.
Ci informa che al posto di blocco di Hawara (Sud Est di Nablus) non intendono
farlo passare. Riferisce che i soldati di Tel Aviv bloccano pure le ambulanze.

Articoli correlati

  • Yeheli Cialic: “Israele, non possiamo restare a guardare. Il silenzio è complicità”
    Pace
    Parla un obiettore di coscienza israeliano

    Yeheli Cialic: “Israele, non possiamo restare a guardare. Il silenzio è complicità”

    Yeheli Cialic è il coordinatore di Mesarvot, una rete di giovani obiettori di coscienza israeliani. Lo abbiamo incontrato e intervistato a Bologna, dove ha partecipato a un evento organizzato da Assopace Palestina.
    30 aprile 2024 - Teodoro Palpacelli
  • Bavaglio nelle scuole sulla Palestina: la marcia indietro del ministro Valditara
    Pace
    Vince la resistenza degli insegnanti e degli studenti

    Bavaglio nelle scuole sulla Palestina: la marcia indietro del ministro Valditara

    Il mutato clima politico intorno alla questione palestinese costringe il Ministero dell’Istruzione e del Merito ad archiviare un procedimento disciplinare, avviato precedentemente, che attaccava la libertà d’insegnamento di un docente.
    15 aprile 2024 - Comitato contro il bavaglio nelle scuole sul genocidio in Palestina
  • La guerra contro la Palestina
    Palestina
    Incursioni dell’esercito casa per casa, distruzione di ospedali, infrastrutture ed edifici

    La guerra contro la Palestina

    Israele non sta solamente rispondendo ad una aggressione armata, ma sta attuando un piano articolato, peraltro perseguito negli anni con sempre maggiore determinazione, per rendere stabile ed espandere la sua impresa coloniale.
    5 aprile 2024 - Valeria Poletti
  • Tende contro le Guerre
    Pace
    L’escalation dell’offensiva israeliana su Gaza è sempre più preoccupante

    Tende contro le Guerre

    E' improcrastinabile la creazione di nuove forme di protesta che facciano pressione sul governo italiano e sulle istituzioni internazionali. Se ne parlerà giovedì 4 aprile alle 18:30 ai Spin Time Labs in Via di S. Croce in Gerusalemme, 55 a Roma.
    3 aprile 2024 - Pressenza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)