Conflitti

Dal Presidio di Assopace a Nablus (IV)

30 maggio 2004
Giorgio Stern
Fonte: Assopace

Nablus, 27 maggio 2004

Verso le 23 di ieri sera un quindicina di camionette ed un mezzo piu' grosso
dell'esercito israeliano sono entrati a Nablus. Li abbiano visti nel lasciare
il Centro giovanile del Medical Relief. Era il segno di una "operazione"
importante. Ma solo verso le quattro del mattino abbiamo sentito i boati
che motivavano la spedizione.
Con il sole alto siamo entrati nella prima delle due case distrutte dai
sicari di Sharon nella Citta' Vecchia e, qualche decina di minuti dopo,
nella seconda. L'odore dell'esplosione si percepiva ancora tra le pareti
distrutte, tra i travi pericolanti e le macerie che assommavano pietre,
legno, vetri e la poltiglia delle povere cose delle sei famiglie rimaste
senza piu' niente. Una quarantine di persone, che ci hanno accolto con un
compostezza ed una dignita' che sottolineava, se ve ne fosse stato bisogno'
l'empieta' del gesto degli occupanti.
Circondate le due abitazioni, alle 23 e 30, il commando, composto da un
centinaio di israeliani, ha imposto alle famiglie l'uscita immediata, senza
poter prendere nulla, ne' i vestiti dei ragazzini che dormivano, ne' il
latte per i piu' piccoli. Fuori subito! E gli artificeri hanno lavorato
ad approntare le cariche.
Alcune ore dopo le esplosioni.
Non e' difficile descrivere cio' che abbiamo visto, piu' difficile e fare
il percorso a ritroso e, nella notte fonda, piu' fonda ancora in quel dedalo
di viuzze, tentare di capire lo shock di quella gente. Qual'e' il sogno
che quei bambini faranno per tutto il resto della loro vita?
Sogno?
Quando siamo usciti dalla Citta Vecchia abbiamo incontrato la troupe di
Al Jazeera. Ci e' sfuggita la presenza di E. G. della Loggia, della signora
F. Nirenstein, del sig. Fuad Hallam, ne' abbiamo notato alcuna troupe della
RAI.
Peccato, avrebbero imparato molto da questa gente.
La citta' e' stata dichiarata Zona militare chiusa. Lo sappiamo ora (17,30)
quando telefona il nuovo volontario, giunto da poco in Palestina per darci
il cambio.
Ci informa che al posto di blocco di Hawara (Sud Est di Nablus) non intendono
farlo passare. Riferisce che i soldati di Tel Aviv bloccano pure le ambulanze.

Articoli correlati

  • Con i miei occhi
    Pace
    Recensione al libro di Felicia Langer (Zambon editore 2018)

    Con i miei occhi

    Una testimonianza della repressione di Israele contro i palestinesi (1967-1973)
    9 gennaio 2019 - David Lifodi
  • Ma questo…, e’ un tank (un carroarmato)? - di Filippo Bianchetti
    Pace
    Staffetta Medica in Palestina: l’esperienza di un “italian doctor”

    Ma questo…, e’ un tank (un carroarmato)? - di Filippo Bianchetti

    Un racconto della prima esperienza in Palestina di un medico di base italiano, nel 2002
    5 gennaio 2019 - Laura Tussi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Latina
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Tortura in Israele
    Pace
    Pubblicato da Zambon Editore, 2017

    Tortura in Israele

    Recensione al rapporto delle associazioni umanitarie B’Tselem e HaMoked
    19 dicembre 2017 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)