Conflitti

Iraq: un rapporto dell'ONU afferma che le forze di occupazione USA hanno maltrattato molti iracheni

L'alto commissario dell'ONU per i diritti umani pone l'accenno alla fine di anni di sistematica violazione dei diritti umani da parte del regime di Saddam, ma parla anche degli abusi sui prigionieri
4 giugno 2004
associated press
Fonte: New York Times

U.N. Report Says U.S.-Led Forces Mistreated Many Iraqis
By THE ASSOCIATED PRESS

GENEVA (AP) -- A United Nations human rights report credited the U.S.-led coalition Friday with ending years of systematic violations by Saddam Hussein's regime but also cited concerns about prisoner abuse by coalition forces.

The report by the U.N. High Commissioner for Human Rights said the coalition's invasion of Iraq ``removed a government that preyed on the Iraqi people and committed shocking, systematic and criminal violations of human rights.''

But the report added that ``after the occupation of Iraq by coalition forces there have, sadly, been some violations of human rights, committed by some coalition soldiers.''

``Governmental leaders of the countries concerned have, at the highest levels, condemned these violations and have pledged to bring those responsible to justice and to uphold the rule of law. It is imperative that this be done, with accountability to the international community,'' the report said.

Iraq's interim government, set to take over sovereignty next month from the U.S.-led Coalition Provisional Authority, must ensure Iraqis do not face abuses in the future, it said.

``The serious violations of human rights and humanitarian law that have taken place must not be allowed to recur. Preventive and protection systems must be put in place,'' the report said.

Acting U.N. human rights chief Bertrand Ramcharan ordered the broad investigation in April, saying he was concerned because Iraq has been unmonitored by the world body since the U.S.-led invasion in March 2003.

The 53-nation U.N. Human Rights Commission scrutinized Iraq for years when Saddam was in power, but the issue has been dropped since his ouster.

Human rights groups say monitoring is essential because ordinary Iraqis are suffering in the conflict between coalition forces and insurgents.

A U.N. team collected information from the coalition and individual governments involved in the occupation, including the United States and Britain. It also turned to foreign aid groups and Iraqi U.N. employees.

But it didn't travel to the Iraq largely because of security concerns, said Jose Diaz, Ramcharan's spokesman.

The United Nations withdrew its international staff from Iraq after the bombing of its offices in Baghdad last August. U.N. rights chief Sergio Vieira de Mello was among those killed in the blast.

Articoli correlati

  • Per la Giornata internazionale dei rifugiati
    Migranti
    Tutte e tutti siamo esseri umani in cammino. Tutte e tutti abbiamo bisogno di aiuto.

    Per la Giornata internazionale dei rifugiati

    Chiediamo ad ogni persona di volonta' buona, ad ogni associazione ed istituzione democratica di insorgere nonviolentemente in difesa della legalita' che salva le vite; in difesa della Costituzione antifascista che nessun essere umano abbandona; in difesa di ogni essere umano e dell'umanita' tutta.
    19 giugno 2020 - Peppe Sini
  • L’attivismo per la Palestina
    Palestina
    Un popolo distrutto dallo strapotere di un governo occupante e criminale

    L’attivismo per la Palestina

    Gaza vive ancora grazie a questo Mosaico di Pace attivista e alle tante associazioni filopalestinesi che spendono e dedicano la vita a una causa nobile come è la sopravvivenza ed esistenza del popolo palestinese e di tutti i popoli del mondo, nel filo rosso dell’amore per l’umanità intera
    2 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)