Conflitti

comunicato stampa

L' International Action Center sostiene la lotta per liberare Lynne Stewart

Il 10 Febbraio la famosa attivista per i diritti civili e avvocato difensore Lynne Stewart è diventata l'ultima vittima dell'assalto dell'amministrazione Bush contro i diritti umani, perpetrato tramite il Patriot Act e le ripetute torture di Abu Ghraib e Guantanamo.
19 febbraio 2005
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: International Action Center - 12 febbraio 2005

Il 10 Febbraio la famosa attivista per i diritti civili e avvocato difensore Lynne Stewart è diventata l'ultima vittima dell'assalto dell'amministrazione Bush contro i diritti umani, perpetrato tramite il Patriot Act e le ripetute torture di Abu Ghraib e Guantanamo.

Lynne è stata denunciata dall'ex-procuratore generale John Ashcroft per la sua determinata difesa del sacerdote musulmano Omar Abdel Raman e per la sua lunga carriera di combattente per i diritti.

La prima indizione a suo carico era giunta nell'Aprile 2002, annunciata dallo stesso Ashcroft al David Letterman Show. E' il primo caso di prosecuzione legale di un difensore in una causa per terrorismo.

Questo è in linea con il comportamento di questa amministrazione, fatto di detenzioni illegali, divieti di accesso per gli avvocati e torture. L'amministrazione si è arrogata, con il pretesto della "lotta al terrorismo", il diritto di incarcerare chiunque senza notificargli i reati di cui sarebbe accusato, e ora vuole rendere illegale l'offerta di assistenza legale a chi è colpito da simili provvedimenti.

E' quindi necessario lottare contro quest'evidente tentativo da parte del governo americano di zittire il dissenso e spaventare chi pare disposto a battersi contro il razzismo delle istituzioni dando aiuto ad Arabi e Musulmani perseguiti per aver fatto uso della libertà di parola e aver difeso i diritti dei popoli oppressi.

L'Ordine Nazionale degli Avvocati ha indetto una giornata nazionale di protesta per martedì 16 febbraio in risposta al verdetto di colpevolezza. L'International Action Center supporta la loro iniziativa e ha invitato tutti gli attivisti del paese a partecipare alle attività.

Lynne Stewart nel frattempo non intende rinunciare alla lotta. In una recente intervista a Democracy Now ha dichiarato "Intendiamo continuare a batterci, ad esprimerci, ad organizzarci, a portare il nostro messaggio alla gente e a chiedere loro di unirsi a noi. Naturalmente fino a questo momento non abbiamo un piano concreto, ma sappiamo che la cosa più importante è non avere paura di impegnarsi per difendere ciò che è giusto". Lynne figura tra i relatori della manifestazione Troops Out Now in programma a Central Park il prossimo 16 marzo.

Per contribuire al Fondo per la Difesa di Lynne Stewart o per saperne di più sulla vicenda visitate il sito http://www.lynnestewart.org o scrivete a:

The Lynne Stewart Defense Committee
350 Broadway, Suite 700, New York, NY 10013
212-625-9696

Note: Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo può essere liberamente utilizzato per scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Parte la Campagna Guantanamo: da oggi puoi firmare anche tu
    Pace
    Per chiedere il rispetto dei diritti umani occorre dare il buon esempio

    Parte la Campagna Guantanamo: da oggi puoi firmare anche tu

    L'obiettivo è fare pressione sul governo italiano perché richieda al presidente USA Joe Biden la chiusura della prigione di americana Guantanamo, luogo di torture e di violazioni dei diritti umani, oltre che delle Convenzioni di Ginevra.
    31 agosto 2021 - Associazione PeaceLink
  • Scrive una favola di pace dopo 14 anni di carcere e torture nella prigione americana di Guantanamo
    Cultura
    Gli Stati Uniti lo hanno detenuto senza processo e lui ha scritto “Guantanamo Diary”

    Scrive una favola di pace dopo 14 anni di carcere e torture nella prigione americana di Guantanamo

    Mohamedou Ould Slahi era stato arrestato per terrorismo ma non c'erano prove. Era innocente. Al rilascio ha trovato la serenità di scrivere una favola di pace. Un carattere unico che lo ha portato a diventare amico di uno dei suoi carcerieri. Ora c'è anche un film su di lui.
    23 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)