Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato
    Diossina nei bovini a Massafra, in provincia di Taranto

    Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato

    Fino a ora la diossina era stata considerata solo un problema delle pecore e delle capre che avevano pascolato attorno all'ILVA: Adesso si scopre che la contaminazione è arrivata a oltre dieci chilometri, nelle campagne di Massafra. Ma come è arrivata lì la diossina?
    27 gennaio 2015 - Alessandro Marescotti
  • Troppi bambini si ammalano di tumore
    Proteggere prima di curare

    Troppi bambini si ammalano di tumore

    Associazioni e genitori chiedono un impegno a eliminare i contaminanti ambientali, causa dell'incremento di tumori, e si rivolgono anche ai candidati al Parlamento
    18 febbraio 2013 - Lidia Giannotti
  • Latte materno "Bene Comune"
    Campagna per la promozione e la difesa del latte materno

    Latte materno "Bene Comune"

    Pensare che il latte materno - così prezioso - possa essere contaminato da sostanze inquinanti, terribili come la diossina, è insopportabile. Le associazioni insistono sulla necessità di interventi non più rinviabili. Puoi aderire alla Campagna cliccando su http://www.peacelink.it/latte
    19 gennaio 2012 - Lidia Giannotti
  • Diamo fiducia al latte degli allevatori!

    Diamo fiducia al latte degli allevatori!

    Il sottosegretario alla Salute ha firmato misure preventive riguardo il consumo di latte alla spina. Vediamo di capire perché invece vale la pena difendere questa buona abitudine, che si inserisce nell'ottica di un consumo più responsabile e sostenibile.
    10 dicembre 2008 - Silvia Piovesan

Il mugugno degli allevatori

Latte fresco e latticini sempre più cari, al consumo. Ma il prezzo pagato dalle aziende ai produttori resta basso
12 agosto 2007
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

C'è malessere tra i produttori di latte bovino. Sul mercato nazionale (e per la verità anche europeo) il prezzo del latte aumenta, e così quello dei suoi derivati, formaggi etc. Secondo Confartigianato Alimentazione, che ha condotto un'indagine sul costo delle materie prime alimentari, il prezzo del latte è aumentato dal 5 al 10% tra giugno 2006 e giugno 2007. Aumenta il prezzo di vendita al pubblico, ma non quello percepito dai produttori. E nelle organizzazioni di categoria serpeggia la rivolta. La Confagricoltura Campania ha deciso di aprire una vertenza con le aziende di trasformazione: dice che loro hanno già ritoccato i loro listini, con rincari del 20%, ma non hanno adeguato il prezzo pagato ai produttori. La Cia Puglia (sta per Confederazione italiana agricoltori) annuncia che non sottoscriverà l'accordo interprofessionale sul prezzo del latte, firmato invece da altre organizzazioni professionali il 3 agosto, perché giudica che penalizzi i produttori: fa notare che sono rincarati cereali (più 40%) e mais (più 50%) di cui vengono nutrite le mucche, e anche la polvere di latte somministrata ai vitellini (più 80% in tre mesi), così il margine di guadagno degli allevatori è sempre più risicato. Eppure, i consumatori sono costretti a sborsare sempre di più per latte fresco e latticini. Effetto di un mercato distorto?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)