Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Naftalina trovata nelle urine delle donne
    Esami choc a Taranto

    Naftalina trovata nelle urine delle donne

    Il naftalene, fra gli IPA cancerogeni, è la principale emissione in massa della cokeria. E’ un tipico tracciante quindi della cokeria. Chiediamo il fermo della cokeria anche alla luce del fatto che i valori emissivi in cokeria sulle emissioni in fase di spegnimento continuano a superare i valori prescritti nell’AIA (25 g/t coke), come certificato dagli stessi report trimestrali ILVA. Anche in fase di spegnimento, oltre che di distillazione, viene prodotto il naftalene.
    11 febbraio 2017 - Alessandro Marescotti
  • Non toccate quelle polveri!
    Il dossier presentato nella conferenza stampa e spiegato a Radio PeaceLink

    Non toccate quelle polveri!

    Le precauzioni sanitarie che dovrebbero essere conosciute a Taranto e adottate dai cittadini. Non bisognerebbe entrare in casa con le scarpe e sarebbe consigliabile fare i lavori domestici con la protezione di guanti azzurri di nitrile.
    14 settembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, la lotteria del cancro
    Pubblicati i nuovi dati della ASL che conferma la drammatica gravità della situazione per i "residenti nell'area a rischio ambientale"

    Taranto, la lotteria del cancro

    PeaceLink: "Ogni giorno si scoprono due nuovi casi. Chiediamo alla ASL quando ci sarà il picco"
    7 giugno 2016 - Associazione PeaceLink
  • Il bambino che ci ha fatto piangere
    Il padre l'aveva portato via da Taranto per salvarlo

    Il bambino che ci ha fatto piangere

    E' morto Lorenzo, il piccolo malato con un tumore al cervello. Due anni fa il padre salì sul palco per dire STOP all'inquinamento
    30 luglio 2014 - Alessandro Marescotti
Inquinamento indoor

Le piante mangiasmog che purificano l'aria di casa

A volte la casa ci avvelena lentamente, ma ci sono delle piante utilissime che assorbono una parte degli inquinanti
15 giugno 2011 - Alessandro Marescotti

L'aria di casa puo essere più inquinata di quella esterna. A lanciare l'allarme è stato l'Ente americano per la protezione dell'ambiente. Spatifillo

Mobili, tappeti, tessuti, giornali: tutte possibili fonti di incremento dell'inquinamento dell'aria già inquinata che facciamo entrare dalla finestra. Che fare?

Oltre a lottare contro l’inquinamento outdoor (esterno) occorre fare molta attenzione a quello indoor (interno), evitando di introdurre oggetti impregnati di sostanze nocive. Altro rimedio: cambiare spesso l’aria. Ma vi è anche la “strategia verde” delle piante che possono contribuire ad assorbire le sostanze tossiche presenti negli arredi casalinghi (formaldeide ad esempio). Le più efficaci sono: dracena, filodendro, spatifillo, aloe, begonia, gerbera e stella di Natale. Anche la dieffenbachia fa parte di quella categoria di piante che aiutano a rimuovere gli inquinanti atmosferici. La pianta ha questo nome in onore a J.P Dieffenbach, amministratore dei giardini del palazzo reale Schönbrun di Vienna. Ci sono circa cinquanta piante d'appartamento che, secondo l'Istituto di biometeorologia del Cnr di Bologna, sono in grado di assorbire le sostanze tossiche.

Più nello specifico lo spartifillo aiuta ad eliminare dall'aria sostanze tossiche come alcol metilico, tricloroetilene, acetone e, come detto prima, formaldeide. La dracena marginata “mangia” xilene e tricloroetilene. Il cactus di Natale libera ossigeno e incamera anidride carbonica.

Un bel quadro riassuntivo sulle “piante mangiasmog” lo offre la Legambiente di Alessandria in questa pagina web

http://www.legambientealessandria.it/mangiasmog.htm

Vediamo più da vicino alcune delle sostanze assorbite da queste piante. Il tricloroetilene è praticamente la vecchia trielina, ed è un sospetto cancerogeno e infatti il simbolo del suo rischio chimico è un teschio su sfondo arancione. Anche quando non uccide, può provocare vuoti di memoria e anche momentanee allucinazioni.

E passiamo allo xilene. E’ un neurotossico. Non ha come simbolo il teschio ma le sue controindicazioni sono moltissime. Lo xilene danneggia il cervello, può causare mal di testa, cambiamenti di umore, irritazione al sistema respiratorio, agli occhi, perdita della memoria, danni a reni e fegato.

Uno dei più invadenti inquinanti indoor è la formaldeide (teschio su sfondo arancione).

Vi è un largo impiego di resine derivate dalla formaldeide. Tale sostanza è correlata alle produzioni di mobili, rivestimenti e schiume isolanti. E queste cose tendono a rilasciare nel tempo molecole di formaldeide nell'ambiente per cui la formaldeide è uno dei più diffusi inquinanti di interni.

Dal 2004 l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha inserito la formaldeide nell'elenco delle sostanze considerate certamente cancerogene per l’uomo.

E’ veramente sconcertante che, dopo la fabbrica, sia proprio la casa il luogo dove si concentrano a volte le maggiori insidie per la salute. Eppure nella casa ci rifugiamo per trovare protezione e sicurezza e ci attenderemmo di tenere fuori dalla porta e dalle finestre lo “smog esterno”.

C’è un sito web (http://www.indoor.apat.gov.it) di informazione scientifica istituzionale sull’inquinamento indoor. Fra le varie cose interessanti vi è una presentazione multimediale sul radon, insidioso cancerogeno casalingo. Viene al secondo posto dopo il fumo per vittime mietute. E’ presente nel suolo e in diversi materiali di costruzione di origine vulcanica come il tufo e i graniti. Si accumula nei locali chiusi (come le cantine) e lì diventa pericoloso. E’ importante pertanto cambiare spesso l’aria. Il Lazio, la Lombardia, il Friuli Venezia Giulia e la Campania sono le regioni che hanno maggiore presenza di radon. L’Italia ha una concentrazione di radon quasi doppia rispetto al resto del mondo e il Lazio, per fare un esempio, ha una concentrazione media di radon circa cinque volte superiore rispetto alla Sicilia.  Non sembrano esserci “piante mangiaradon”.

Note:

L'articolo è stato pubblicato su Mosaico di Pace.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)