Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Iloti, dalla schiavitù alla libertà
    La rivolta e la resistenza sul monte Itome

    Iloti, dalla schiavitù alla libertà

    Come una schiera di schiavi a Sparta seppe ribellarsi e conquistare la libertà
    26 febbraio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Spartan Race
    Ideata da un gruppo di ex militari è ora un evento della Reebok

    Spartan Race

    Si sta diffondendo in tutto il mondo la Spartan Race (“Gara Spartana”). Nata nel 2010 negli Stati Uniti, questa corsa ad ostacoli assomiglia ad un percorso di guerra per marines.
    2 ottobre 2016 - Alessandro Marescotti
Iscriversi costa quanto un paio di scarpe

La Reebok Spartan Race a Taranto

L'obiettivo emozionale della Reebok sostituisce la vendita delle scarpe. E' definibile neuromarketing e fu studiato da Packard, l'autore del libro "I persuasori occulti".
31 ottobre 2016 - Alessandro Marescotti

Reebok Spartan Race, molti ne sono usciti entusiasti. Persino una europarlamentare del M5S. Quello che è emerso da questa esperienza a Taranto è esattamente l'obiettivo emozionale che la Reebok Spartan Race voleva trasmettere: collaborazione, sforzo, impegno fino al superamento dei propri limiti. Spartan Race a Taranto

E' definibile neuromarketing e fu studiato da Packard, l'autore del libro "I persuasori occulti".

Ho visto vari filmati "Be More Human" (la nuova campagna della Reebok) e tutto era chiaro: l'obiettivo emozionale della Reebok sostituisce la vendita delle scarpe.

Siamo entrati nell'epoca della pianificazione delle emozioni, della dipendenza dai grandi eventi salvifici e se vuoi essere felice devi pagarti la Spartan Race e se non hai soldi ti metti in coda per servire la macchina organizzativa. E se non applaudi non sei normale. Io ho provato a fare qualche osservazione critica - a scuola gli spartani non mi sono mai stati simpatici - e subito sono stato rimbrottato su Facebook da eminenti cultori della materia.

Oggi varie multinazionali progettano percorsi di autorealizzazione e di felicità. Quelli della Reebok volevano differenziarsi dalla Nike nella comunicazione del brand e ci sono riusciti. Hanno investito moltissimo in questo progetto di persuasione. La Reebok ha pagato fior di antropologi e di progettatori di percorsi emozionali per ottenere ciò che molti hanno descritto: una esperienza esaltante che rende felici e appagati. Mica voleva dare un calcio negli stinchi! La Reebok voleva gli elogi, e li ha ottenuti.

Un tempo erano le multinazionali che ringraziavano i clienti, oggi sono i clienti che ringraziano le multinazionali. Questa è la vera rivoluzione antropologica che la Reebok voleva provocare, e vi è riuscita. Chapeau!

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)