Per fare la rivoluzione ambientale un leader non basta

Il Primo Follower

Come fanno alcune persone a trascinare sempre più followers nella loro "rivoluzione"? Il libro di Sergio Fedele vuole essere un manuale per attivisti ambientali.
6 ottobre 2021
Linda Maggiori

Come fanno alcune idee a trasformare la società? Come fanno alcune persone a trascinare sempre più followers nella loro "rivoluzione"? Il libro di Sergio Fedele vuole essere un manuale per attivisti ambientali. Il primo Follower, libro di Sergio Fedele

Nella prima parte si analizzano le rivoluzioni di successo (più o meno giuste), e coloro che nella storia in ambito politico, imprenditoriale, ecc... sono riusciti a raggiungere il successo, sviscerando le loro tattiche, il loro modo di comunicare. Nonosante sia molto interessante sotto il profilo storico e psicologico, la prima parte può apprire ad una prima lettura un po' troppo  "manuale per il successo", ostico per chi, come me, è radicalmente antagonista e allergico ad ogni forma di potere. In realtà proseguendo la lettura ho compreso che non si parla di successo individuale, ma è l'invito ad un cammino corale, un cammino che per essere efficace deve essere agito su più livelli, come i cerchi concentrici dell'acqua: il livello di azione e coerenza personale, il livello di sensibillizzaione sociale e comunitaria, il livello di formazione degli attivisti, e infine, per chi se la sente, l'impegno politico (non necessariamente partitico). Questi 4 livelli sono fondamentali, perché non basta una coerenza personale per cambiare le cose (vivere come eremiti), ma è ugualmente deleterio impegnarsi socialmente e poi essere totalmente incoerenti con gli stili di vita. Anche se non si può fare tutto, bisogna almeno provarci. 

Per questo, nella seconda parte del libro, si approfondiscono i motivi e la gravità della crisi climatica ed ecologica attuale e si suggeriscono alcune azioni concrete.
Dal reddito ambientale (interessante proposta di tassazione della CO2 e redistribuzione sotto forma di reddito individuale a tutti i cittadini, compresi i bambini), alla mobilità sostenibile (puntare sulle auto elettriche non basta, occorre ridurre le auto e migliorare la mobilità dolce e condivisa), dalle cooperative energetiche, alla necessità di portare efficienza energetica nei condomini.

Un manuale teorico e pratico davvero interessante, da divulgare ad attivisti, amministratori, politici.

Follower

Sergio Fedele è imprenditore nei trasporti ecologici, vive a Bologna, è volontario di Legambiente. Il suo blog www.sergiofedele.eu 

Note: www.sergiofedele.eu 

Articoli correlati

  • Il salone internazionale del libro di Torino
    Cultura
    Mimesis Edizioni al salone internazionale del libro di Torino

    Il salone internazionale del libro di Torino

    L’importanza delle migliaia di libri esposti al salone internazionale della fiera del libro di Torino per l’alto valore e ideale della conoscenza e del sapere che si tramandano di generazione in generazione nella storia dell’umanità
    14 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Donna è Pace
    Pace
    L’impegno delle donne contro la guerra, contro militarismo, bellicismo e colonialismo

    Donna è Pace

    Le donne prime protagoniste delle innumerevoli iniziative spontanee di opposizione all’inutile strage della prima guerra mondiale e la storia del protagonismo delle donne anche durante la resistenza al fascismo.
    12 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”
    Sociale
    Sabato 9 ottobre alle ore 11 a Roma in piazza Santi Apostoli presidio del comitato 9 Ottobre

    “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”

    Presidio convocato dai parenti delle vittime di stragi come Vajont, Viareggio, ponte Morandi, Moby Prince e anche dai familiari dei morti sul lavoro e da tutte le associazioni che li sostengono. La Giornata nazionale è stata istituita sul ricordo della strage del Vajont del 9 ottobre 1963.
    9 ottobre 2021 - Redazione PeaceLink
  • La Camera dei Deputati si spacca sugli ecoreati
    Ecologia
    L'esame della riforma passerà a settembre al Senato dopo il voto alla Camera

    La Camera dei Deputati si spacca sugli ecoreati

    La maggioranza si è divisa sull'ordine del giorno sugli ecoreati. Il testo, che aveva il parere contrario del governo, è stato respinto con 186 voti contro 181. A favore ha votato il M5s e parte del Pd. La raccolta di firme di PeaceLink continua fino a settembre, quando il testo andrà al Senato.
    3 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)