Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Dove si va - Nomadi 2006

Frammenti di una lettera mai scritta

Abbandonato alla brezza delle note il cuore vola lontano ...
26 marzo 2006

Sai scriverti una lettera non è una cosa facile

Affidare alla penna e a fogli vaganti i pensieri è come lasciar andare una parte di noi, un pezzo del nostro cuore. Tantissime sensazioni, sentimenti, emozioni vorrei trasmetterti. Ma da dove cominciare? E come?

Sai, mi sento così fragile
le bombe non ti ascoltano

Bisogna essere forti, duri, senza mai cedimenti o incrinature. Ma io non ce la faccio, sento che questo mondo non m'appartiene. Nell'animo alberga la fragilità, l'inadeguatezza, l'impreparazione a questo mondo. Ci vengono trasmessi l'egoismo, l'indifferenza e l'individualismo sfrenati. Ci viene insegnato che l'io è importante, ci tengono lontani da quello straordinario luogo che è il noi. E sento la tua voce sempre più flebile e lontana. Le sue calde tonalità appaiono distanti e non allietano più l'orecchio. Sono solo e impotente, preda della vita.
Le bombe delle guerre quotidiane contro l'altro, le guerre che avvelenano le nostre società e l'esistenza coprono tutto e rendono difficile l'amicizia, l'affetto, la vicinanza tra noi.

ma questa guerra non mi cambierà mai

E' l'unica possibilità che ho, che abbiamo. Rovesciare la mia, la nostra fragilità in fortezza. Rendere gli scarti della società("la pietra che i costruttori hanno scartato è diventata testata d'angolo" disse una volta un tale) il segreto per andare avanti e non mollare. Rimanere noi stessi e coltivare fiori profumati nonostante i miasmi dei veleni. R-esistere all'odio ed esistere all'amore.

Dove si va,
come si fa a stringere la vita
intanto fuori scoppia la notte ...

Correre, correre, correre. Forsennati, senza fermarsi mai, senza un attimo, un momento di sosta. Ma dove andiamo? Dove corriamo tutti? Aboliamo le distanze, inventiamo le macchine per fare prima, per essere più veloci. Così ci impiegheremo meno tempo. Ed invece il tempo manca sempre più, i rapporti umani diventano ogni giorno più impraticabili in questa trottola. E scopriamo che facciamo affari, lavoriamo con il manager di Tokyo o con l'esperto di Harvard ma non abbiamo mai visto il volto del nostro dirimpettaio. Il nostro vicino ci è un perfettamente sconosciuto e casa nostra ci è il luogo più estraneo. Su questa trottola impazzita la vita scorre via, fugge più veloce di noi. E non riusciamo a trattenerla, la stiamo perdendo. Su questa trottola impazzita i rapporti umani sono superficiali, difficili, mai profondi e veri. Non c'è calore umano, il calore solare degli altri che ci scaldi come i raggi del sole mattutino. E' la notte, la notte dei sentimenti e delle emozioni umani. Come fare per scacciarla e illuminare la vita?

...sai il tempo è scivolato via ma non è stato tutto inutile
Io saprò vederti crescere
è una promessa che non mancherò ...

Una mattina ci sveglieremo e andremo in cortile. Con le mani, le nostre piccole mani scaveremo una buca, una piccola buca. Poi tra le dita lasceremo cadere una piccola sfera, come una lacrima di rugiada. E' un seme, un piccolissimo seme. Giorno dopo giorno il tempo passerà. Passeranno le stagioni, i mesi. Dopo il tempo del sole verrà quello della pioggia. Ci saranno i giorni della soffice neve. Ma noi non resteremo spettatori. Perché quel piccolo angolo ci chiamerà, tutti i giorni, incessantemente. Avrà bisogno delle nostre cure e del nostro amore. Una mattina giungeremo e vedremo qualcosina spuntare dalla terra, una piccola, piccolissima puntina verde. Quella puntina crescerà davanti ai nostri occhi, crescerà e diventerà sempre più grande. Lì nascerà un fiore. Da un piccolissimo seme avremo fatto nascere un fiore, un profumato e coloratissimo fiore. Da un gesto d'amore schegge d'arcobaleno, dalla vita germoglierà altra vita. Ci vogliono pazienza, costanza, dedizione, tenerezza. E la promessa non mancherà ...

sai scrivere una lettera non è mai stato facile

ma alla fine le parole hanno seguito altre parole e le righe hanno preso vita. Sto chiudendo la busta e una parte del mio cuore è già in viaggio. Giungerà presto da te, ascolta quel che la sua debole vocina vuole dirti. E serbalo sempre accanto a te, stringimi forte e non abbandonarmi mai ...

Note: Il testo completo della canzone è:

DOVE SI VA

Sai scriverti una lettera
non è una cosa facile
sai mi sento così fragile
le bombe non ti ascoltano
ma questa guerra non mi cambierà mai
dove si va come si fa
a stringere la vita intanto fuori scoppia la notte
dove si va come si fa
se vivere da queste parti è come tirare a sorte
sai il tempo è scivolato via
ma non è stato tutto inutile
io saprò vederti crescere
è una promessa che non mancherò
e poi ancora un altro giorno nascerà
per noi ... noi
dove si va come si fa
a stringere la vita intanto fuori scoppia la notte
dove si va come si fa
se vivere da queste parti è come tirare a sorte e non riesco più a sorprendermi
e la pazzia che danza intorno a me
e penso che dovrei difendermi
ma è più difficile combattere
se il pianto di una madre no non può salvare la notte
dove si va come si fa
a stringere la vita intanto fuori scoppia la notte
dove si va come si fa
se vivere da queste parti è come tirare a sorte
sai scrivere una lettera non è mai stato facile



Album:
Con me o contro di me(2006)

-Dove si va
-Occhi aperti
-Non è un sogno
-Con me o contro di me
-Ancora non so
-Status symbol
-Ci vuole distanza
-L'aviatore
-Ricomincia così
-L'ultima salita

Articoli correlati

  • Lettera al Vescovo Mons. Filippo Santoro  su "Inquinamento ambientale e diritto alla vita" inviata il 6 giugno 2013
    Taranto Sociale
    Annamaria Moschetti, pediatra e membro dell'ISDE Medici per l'ambiente ha scritto al vescovo di Taranto

    Lettera al Vescovo Mons. Filippo Santoro su "Inquinamento ambientale e diritto alla vita" inviata il 6 giugno 2013

    30 novembre 2013 - Fulvia Gravame
  • Mio caro ragazzo
    PeaceLink Abruzzo
    Una bellissima lettera sui 150 anni dell'Unità d'Italia

    Mio caro ragazzo

    Pubblichiamo con immenso piacere questo bellissimo testo di Arianna Tascone, studentessa universitaria di Vasto e vincitrice del premio "Libero Grassi" per l'intensa "Lettera al caro estorsore", pubblicata nel libro di Salvatore Cernigliaro, detto Totò e che rievoca e attualizza, attraverso le lettere di giovanissimi di ogni parte d’Italia la “Lettera al caro estorsore” scritta dall'imprenditore siciliano Libero Grassi
    1 dicembre 2011 - Arianna Tascone
  • Una lettera: «Signor Riva venga ad abitare ai Tamburi»
    Taranto Sociale

    Una lettera: «Signor Riva venga ad abitare ai Tamburi»

    «Sapreste cosa sono le nuvole di fumi e polveri che sciolgono le facciate dei palazzi; i panni, quando la sera c’è vento di tramontana, rossi di ferro; la perdita improvvisa degli affetti più cari»
    3 dicembre 2008 - Fulvio Colucci
  • Zingari in zona 3? No grazie!
    Migranti

    Zingari in zona 3? No grazie!

    Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo articolo. Dijana Pavlovic, milanese di origini Rom serbe, è attrice teatrale ed è attiva nella lista "Uniti con Dario Fo per Milano"
    30 aprile 2007 - Dijana Pavlovic
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)