Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Fino al 5 giugno

Cinemambiente, a Torino per aprire gli occhi

Diciassette anni di Film, iniziative per le scuole anche dopo il Festival e un ricchissimo archivio di documentari
5 giugno 2014

di Stefano Cassetti, 2 giugno 2014 (I Blog de ilFattoQuotidiano.it)

Informarsi e conoscere i fatti che influenzano il nostro pianeta e toccano la nostra vita di tutti i giorni dovrebbe essere logico, in quanto fa parte dell’innato istinto di sopravvivenza. Cinemambiente porta avanti questa battaglia, la battaglia della conoscenza, per creare una coscienza critica, una coscienza sociale attenta agli interessi del cittadino contro le logiche del profitto e delle lobbies. Cinemambiente è il più importante festival europeo sul cinema ambientale (insieme al Fife di Parigi) e mostra e mostrerà a Torino fino al 5 giugno documentari di approfondimento e denuncia che dovrebbero essere visti in Italia con un audience del 100%.

cineambiente-2014Ecco appunto, Cinemambiente vincerà la sua battaglia quando questi film saranno in prima serata su Canale 5. Allora Cinemambiente non avrà più ragione di esistere. Fino ad allora è e sarà uno degli strumenti più efficaci per aprire gli occhi (sensibilizzare è un termine troppo delicato) all’opinione pubblica italiana, a tutti quei cittadini che non si interessano di, e non sanno, cosa mangiano, cosa respirano, come le loro tasse sono impiegate, perché viviamo un aumento spaventoso di tumori e sterilità giovanile, quanto il nostro habitat assomigli sempre più ad un micro-onde in cui siamo noi a cuocere, etc..

Uno strumento fondamentale in quest’ottica è il programma rivolto alle scuole che il Direttore Gaetano Capizzi ha creato qualche hanno fa e che ora conta una lista di 600 scuole aderenti che possono accedere online durante tutto l’anno scolastico all’archivio video con una spesa annuale simbolica. Attraverso il sito l’educazione ambientale oggi è resa accessibile a tutti i Presidi italiani e ai loro dirigenti scolastici, non ci sono più scuse.

“Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la riceviamo in prestito dai nostri figli” (Amazon Gold, USA, 53 min. diretto da Reuben Aaronson). L’Educazione Ambientale è un termine abbastanza noioso e lontano da ogni allarmismo. Sarebbe forse meglio chiamarla Educazione all’Istinto di Sopravvivenza?

Passate parola.

Note: L'ARCHIVIO dei film per tematiche
http://www.cinemambiente.it/archive.html

L'articolo originale
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/02/cinemambiente-a-torino-per-aprire-gli-occhicinemambiente-fino-al-5-giugno/1010341/

Articoli correlati

  • Era tutto assolutamente normale
    Legami di ferro
    Una sera a teatro insieme ai guerrieri tra la gente

    Era tutto assolutamente normale

    Spettacolo teatrale a cura della compagnia "Di aria di fuoco di terra di mare" sulla situazione presente e passata della città di Falconara e sulla battaglia dei comitati cittadini per la salute e l'ambiente
    26 novembre 2019 - Beatrice Ruscio
  • "Riace, Musica per l’Umanità" al Centro Studi Sereno Regis di Torino
    Cultura
    Presentazione al Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile

    "Riace, Musica per l’Umanità" al Centro Studi Sereno Regis di Torino

    Una presentazione in pubblico al Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile molto partecipata e sentita sull’onda del ricordo di un carissimo maestro di vita come Nanni Salio, grande attivista e ecopacifista, già presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino.
    11 ottobre 2019 - Laura Tussi
  • Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare
    Disarmo
    Dopo il progetto di rifacimento del poligono a Punta Izzo e nuove antenne nel Siracusano

    Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare

    Da mesi si susseguono incontri e trattative istituzionali, ma nessuna trasparenza sui progetti e sulle potenziali ricadute ambientali. Eppure i cittadini hanno il diritto e il dovere di sapere.
    19 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
  • Democratizzazione dei dati ambientali
    Ecodidattica
    Il software Omniscope

    Democratizzazione dei dati ambientali

    A scuola abbiamo fatto un’esperienza di Ecodidattica con un software di business intelligence realizzato da Antonio Poggi, un esperto del settore che vive a Londra ma che - essendo nato a Taranto - ha pensato di adattare il suo software all’analisi dei dati ambientali.
    22 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)