Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

L'uomo che verrà

Furono uccise centinaia di persone, a Monte Sole e negli altri paesi vicini a Marzabotto. Di quei fatti parla un film veramente notevole
30 settembre 2014

Tra il 29 settembre e i primi giorni di ottobre del 1944, a Monte Sole e in altri paesi vicini a Marzabotto, truppe tedesche guidate dal maggiore Walter Reader rastrellarono e uccisero almeno 770 civili, che si aggiunsero alle vittime di recenti altri eccidi compiuti nella zona.  

"L'Uomo che verrà", girato nel 2009, è un film notevole, che parla di quei giorni così come può averli vissuti Martina, una bambina di 8 anni. Giorgio Diritti, dopo essere riuscito ad avere a disposizione proprio i volti e le figure che aveva immaginato, si è accorto che il film non poteva che essere girato nell'autentico dialetto di quelle terre. Anche per effetto di questi dialoghi, lenti e diretti, in pochi minuti si viene trasportati totalmente all’interno e nei colori di quelle case e terre contadine, ad accompagnare fino in fondo il destino dei protagonisti - presenti e futuri - arrivati così vicino a noi, da quel periodo intenso e drammatico. 

Non è un film che si può perdere.

Un'immagine da "L'uomo che verrà" (2009)

Il trailer del film

https://www.youtube.com/watch?v=PmfEkqP_DUI

Articoli correlati

  • Perché occuparsi di Palestina? Intervista a Gabriella Grasso 
    Palestina
    Intervista a Gabriella Grasso

    Perché occuparsi di Palestina? Intervista a Gabriella Grasso 

    Sta per uscire “Embargo Militare contro Israele”, dossier a cura di BDS Italia con il sostegno di PeaceLink e la collaborazione del Collettivo A Foras
    20 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Il sapore di una speranza indistruttibile
    Storia della Pace
    Riflessioni sulla capacità di resistere al male

    Il sapore di una speranza indistruttibile

    Vale la pena leggere e rileggere lo scritto "La Madonna Sistina" di Vasilij Grossman, scrittore russo epico, corrispondente di guerra per il quotidiano dell'esercito Stella Rossa, testimone lucido della resistenza al nazismo e della repressione staliniana
    12 ottobre 2020 - Franca Sartoni
  • L'Antifascismo di padre in figlia
    Pace
    Patrizia Mainardi si racconta

    L'Antifascismo di padre in figlia

    "Mobilitarsi significa agire, partecipare, manifestare e rivendicare il rispetto delle fondamentali esigenze della convivenza sociale". Intervista alla Presidente Anpi Salsomaggiore Terme, figlia di Anteo, il Partigiano "Canto".
    6 agosto 2020 - Laura Tussi
  • L'esempio di Duccio Galimberti
    Pace
    Una riflessione

    L'esempio di Duccio Galimberti

    Arrestato dai fascisti, il 28 novembre 1944, seviziato e ridotto in fin di vita, non parla. Viene fucilato il 4 dicembre 1944.
    25 luglio 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)