Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace

Paesaggi Kosovari, 1998-2018

Progetto PRO.ME.T.E.O.
Libro di Gianmarco Pisa. Recensione di Laura Tussi. Edizioni Multimage
Laura Tussi20 settembre 2019

Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace

Paesaggi Kosovari - Recensione

Lo studio di Gianmarco Pisa, dal titolo "Paesaggi Kosovari, 1998-2018. Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace", sviluppa ampie riflessioni che costituiscono il risultato dell’evoluzione del processo e del percorso culturale del progetto Pro.me.t.e.o., in relazione alle opportunità e alle potenzialità di promuovere e potenziare inediti progetti di sviluppo sociale ed economico nei Balcani, in particolare nel Kosovo, a partire dagli indiscutibili e imprescindibili patrimoni storici e culturali che appartengono al Genius Loci di quelle geografie.

A partire dalla vicenda jugoslava, lo studio di Gianmarco Pisa indaga, anche nel più complesso scenario europeo e mediterraneo, il valore dei patrimoni culturali, il senso e il significato degli itinerari storici e le prospettive di rigenerazione delle memorie e della costruzione della "pace con giustizia".

Il progetto Pro.me.t.e.o mette a fuoco lo scenario dei patrimoni culturali, i luoghi della memoria e le memorie collettive e condivise, al fine della trasformazione nonviolenta e costruttiva del conflitto nel Kosovo. Nella cover del libro, risalta il Monumento alla Fratellanza e all’Unità del 1961, celebrazione del principio, proprio della Jugoslavia Socialista, della fratellanza e unità tra i popoli, situato a Prishtina in Kosovo.

Lo studio indaga la Memoria e i Balcani negli spazi del concreto e dell’immaginario collettivo, nella contraddizione balcanica delle prospettive storiche e delle dimensioni memoriali, dove il Kosovo viene analizzato nel panorama regionale e internazionale per l’impostazione delle politiche generali per il patrimonio culturale che costituiscono occasioni al fine di superare lo stereotipo e costruire innovative ed opportunità.

In modalità molto articolate e dettagliate, lo studio traccia e descrive un itinerario a Prishtina per la rigenerazione delle memorie e la stratificazione delle epoche e un percorso itinerante a Mitrovica dove si affrontano il dissidio e la reciprocità nei rapporti tra Serbi e Albanesi e, infine, un viaggio a Prizren, dalla sorprendente bellezza laica e religiosa. Da questi percorsi progettuali si evince l’opportunità costituita dal patrimonio culturale e da un innovativo "approccio integrato" per lo sviluppo sostenibile in Kosovo che vive in equilibri precari tra contraddizioni economiche e potenzialità di sviluppo nel retroterra sociale delle speranze della riconciliazione nonviolenta, che si proietta dalla Storia alla Memoria, in un ponte tra il passato e l'attualità.

Come postfazione al compendio, un ricordo di Alberto L'Abate (1931- 2017) una delle più importanti figure della ricerca per la pace nel nostro Paese, il cui pensiero molto si è soffermato sui temi della prevenzione della violenza e del progetto costruttivo, nello svolgimento della sua riflessione più matura. Nel nostro tempo, le guerre sono diventate, nella terminologia più diffusa, "guerre umanitarie", "guerre per la democrazia", "guerre per i diritti", in un modo subdolo e ipocrita per mascherare i motivi e gli interessi reali che stanno dietro ai sanguinosi conflitti che le maggiori potenze continuano a imporre in tutto il mondo.

Questo si è verificato non solo all’epoca della guerra in Iraq nel 1991, ma anche durante la guerra del Kosovo (1998-99) che poteva essere evitata, con soluzioni diplomatiche. Ma non si è potuto evitare il conflitto perché Stati Uniti e NATO avevano deciso di muovere guerra per i loro interessi. Lo stesso discorso possiamo constatare rispetto alla proliferazione degli armamenti, non solo per la diffusione delle armi tradizionali e convenzionali, ma soprattutto per gli ordigni nucleari che ci possono condurre verso il baratro irreversibile di un'apocalisse nucleare e verso quindi la cancellazione della nostra civiltà.

Anche se contro questa direzione, la società civile si è imposta, ratificando il Trattato ONU del 7 Luglio 2017 per il disarmo nucleare universale e per l'abolizione degli ordigni nucleari, che è valso a tutti noi attivisti il Premio Nobel per la Pace con ICAN.

Articoli correlati

  • Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga
    Conflitti
    La verità nascosta

    Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga

    Una guerra voluta dalla Nato e che D'Alema difese perfino in un libro titotalo "Gli italiani e la guerra"
    15 dicembre 2010 - Alessandro Marescotti
  • Migranti

    I Rom: dal Kosovo al Casilino 900

    Storia incredibile di alcune famiglie rom, imparentate tra loro, che dagli anni novanta in poi, quando il clima sociale e politico in Kosovo cominciava a farsi pesante, lasciarono le loro case per raggiungere l'Italia. Pensavano di essersi lasciati alle spalle l'inferno. Arrivarono, invece, al CASILINO 900.
    10 settembre 2009 - Raffaele Coniglio
  • D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato
    Pace
    L'appello pubblico di PeaceLink: "Bisogna chiedere scusa alle vittime innocenti"

    D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato

    Il messaggio è arrivato ai suoi indirizzi e-mail, che vengono letti dai suoi assistenti, tra l'altro pagati anche con i nostri soldi. Il risultato è stato il silenzio assoluto. Questa è la coscienza di Massimo D'Alema.
    28 maggio 2009 - Alessandro Marescotti
  • A dieci anni dal bombardamento NATO della televisione nazionale serba
    Editoriale
    Furono uccise 16 persone e violate le Convenzioni di Ginevra

    A dieci anni dal bombardamento NATO della televisione nazionale serba

    Oggi chiediamo che l'allora Presidente del Consiglio Massimo D'Alema offra pubblicamente le proprie scuse ad ognuna delle vittime con un atto formale e solenne.
    19 aprile 2009 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)