CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Dal pensiero strade per innovare
    Tesi del Master "Scienza Tecnologia e Innovazione"

    Dal pensiero strade per innovare

    Software e comunicazione digitale, circolazione della conoscenza ed esigenze di tutela della proprietà intellettuale
    28 gennaio 2010 - Lidia Giannotti
  • Apriti codice, ed è business

    I vantaggi economici dello sviluppo collettivo del softwareDalle università alle aziende, si scopre che l'open source rende. Qualità, flessibilità e comunità le parole d'ordine. E le istanze etiche, cacciate dalla porta, rientrano così dalla finestra
    22 novembre 2007 - Carola Frediani
  • Codici aperti con licenza da uccidere

    «Pericolosa e illiberale». La nuova versione della licenza per il software libero è stata accolta da critiche. A puntare l'indice società informatiche open source che collaborano a progetti con le multinazionali dell'high-tech
    29 agosto 2007 - Benedetto Vecchi
  • Parla il fisico nucleare dello Slac di Stanford che nel 1991 creò la prima pagina web negli Stati Uniti

    Paul Kunz, il pioniere di internet profeta del software senza "padroni"

    L'anima della rete è l'Open Source: collaborazione tra esperti informatici di tutto il mondo
    20 luglio 2007 - Fausto Cicciò

Le regole per ridurre le licenze open source

OSI si prepara a varare alcune regole che dovrebbero frenare la moltiplicazione delle licenze open. Lo scopo è promuovere la diffusione solo di quelle principali ed aumentare così le certezze di chi le adotta
8 aprile 2005 - Punto Informatico

San Francisco (USA) - Nonostante il recente avvicendamento al vertice dell'Open Source Initiative (OSI), che ha visto Michael Tiemann assumere la carica di presidente ad interim, la nota organizzazione sembra decisa a portare avanti una questione particolarmente cara al suo ex leader, Russ Nelson: frenare la proliferazione delle licenze open source e razionalizzare il processo di approvazione delle nuove licenze.

Oggi le licenze open source sono più di 50 e il motivo è che ogni azienda di un certo calibro, come IBM, Sun o Intel, ha voluto creare la propria: quasi tutte si ispirano alle licenze Mozilla e BSD e, spesso, le differenze tra un e l'altra sono minime. Il problema, secondo molti, è che un numero troppo elevato di licenze finisce per confondere gli utenti e ostacolare la condivisione e il riutilizzo del codice.

Come primo passo per risolvere la situazione l'OSI ha in progetto di selezionare un ristretto numero di licenze da promuovere come "preferite": l'organizzazione non ha ancora fatto sapere a quali licenze assegnerà il "bollino blu", tuttavia è lecito attendersi che tra queste compariranno le già citate Mozilla, BSD e probabilmente anche l'Apache e la Common Public License di IBM.

Il secondo passo dell'OSI sarà quello di aggiungere alle condizioni che regolano l'approvazione di una licenza open source tre nuove clausole, già annunciate lo scorso marzo: queste richiedono che le licenze siano scritte in modo chiaro, semplice e ben comprensibile, siano riusabili e non si limitino a clonare le licenze già esistenti.

Proprio nei giorni scorsi Intel ha voluto lanciare la prima pietra revocando la propria licenza open source: il colosso ha invitato anche gli altri produttori a fare lo stesso e contribuire a migliorare e diffondere le licenze open source già in circolazione.

Un portavoce di Sun ha affermato che la propria CDDL (Community Development and Distribution License) è "un buon punto di partenza per fermare la proliferazione di nuove licenze".

La nuova strategia dell'OSI è stata annunciata di recente insieme al varo di alcune nuove attività: tra queste vi sono la creazione di un registro globale dei progetti open source, la definizione di "Open Standards", e la promozione di un maggior numero di iniziative ed eventi a livello internazionale per la promozione del software aperto.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)