CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Dal pensiero strade per innovare
    Tesi del Master "Scienza Tecnologia e Innovazione"

    Dal pensiero strade per innovare

    Software e comunicazione digitale, circolazione della conoscenza ed esigenze di tutela della proprietà intellettuale
    28 gennaio 2010 - Lidia Giannotti
  • Apriti codice, ed è business

    I vantaggi economici dello sviluppo collettivo del softwareDalle università alle aziende, si scopre che l'open source rende. Qualità, flessibilità e comunità le parole d'ordine. E le istanze etiche, cacciate dalla porta, rientrano così dalla finestra
    22 novembre 2007 - Carola Frediani
  • Codici aperti con licenza da uccidere

    «Pericolosa e illiberale». La nuova versione della licenza per il software libero è stata accolta da critiche. A puntare l'indice società informatiche open source che collaborano a progetti con le multinazionali dell'high-tech
    29 agosto 2007 - Benedetto Vecchi
  • Parla il fisico nucleare dello Slac di Stanford che nel 1991 creò la prima pagina web negli Stati Uniti

    Paul Kunz, il pioniere di internet profeta del software senza "padroni"

    L'anima della rete è l'Open Source: collaborazione tra esperti informatici di tutto il mondo
    20 luglio 2007 - Fausto Cicciò

Troppe licenze open source?

Il nuovo presidente dellOpen Source Initiative sembra deciso a frenare la proliferazione delle licenze open source, un problema considerato da più parti sempre più serio e urgente
4 marzo 2005 - Punto Informatico

Logo del marchio Open Source San Francisco (USA) - Una decina di anni fa le licenze open source si contavano sulle dita di una sola mano: oggi sono più di cinquanta, e in costante crescita. La proliferazione delle licenze aperte viene ormai visto dalla comunità open source come un problema piuttosto serio, capace di confondere gli utenti e ostacolare la condivisione e il riutilizzo del codice.

Una soluzione è stata in questi giorni proposta da Russ Nelson, colui che alla fine di gennaio ha ereditato la carica di presidente dell'Open Source Initiative (OSI) da Eric Raymond. La proposta è quella di aggiungere alle 10 regole contenute nellaOpen Source Definition, le stesse che stabiliscono i requisiti che una licenza deve avere per essere considerata open source, tre nuovi punti:
- una licenza open source non può duplicare le licenze già esistenti;
- una licenza dev'essere scritta in modo chiaro, semplice e comprensibile;
- una licenza dev'essere riutilizzabile semplicemente sostituendo i nomi di specifici individui, progetti o organizzazioni contenuti in un apposito allegato.

Nelson ammette che questa piccola integrazione alla definizione di licenza open source non è una panacea, tuttavia la ritiene già sufficiente per contrastare la tendenza, da parte delle aziende, a creare licenze open source che spesso differiscono da quelle già in circolazione solo per alcuni piccoli particolari.

Il capo dell'OSI afferma che le incompatibilità fra licenze, che spesso rendono impossibile mescolare il codice di due o più progetti open source, nascono spesso da banali errori di trascrizione o da clausole inserite senza troppo criterio. Razionalizzare il processo di certificazione delle licenze open source, secondo Nelson, potrebbe eliminare molti equivoci e incentivare le aziende ad uniformarsi ai modelli di licenza già certificati e diffusi sul mercato.

La proposta di Nelson ha già ottenuto la benedizione di Bruce Perens, co-fondatore dell'OSI e principale autore dell'attuale Open Source Definition.

Altri membri della comunità open source si sono invece mostrati scettici o del tutto contrari a tale soluzione, nella maggioranza dei casi perché ritengono che le regole ideate da Nelson non possano far parte dei principi fondamentali alla base dell'Open Source. Paletti di questo tipo, secondo alcuni, creano un pericoloso precedente e rischiano, in futuro, di avallare modifiche capaci di corrompere il concetto stesso di Open Source.

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)