CyberCultura

Reati virtuali repressione reale

Francia, Egitto, Tunisia: galera per chi "naviga"

25 novembre 2005
Pepsy

Lo scorso fine settimana, le autorità francesi hanno inferto un duro colpo ad una delle libertà fondamentali delle democrazie vietando gli assembramenti pubblici, ed hanno giustificato la loro decisione facendo riferimento ai messaggi che incitavano a scendere in piazza che sarebbero circolati via internet e via sms.

La cosa potrebbe far sorridere se non fosse che quasi contemporaneamente sono stati arrestati tre giovani perché accusati di aver scritto su alcuni "blog" (siti web che raccolgono commenti personali) delle frasi considerate pericolose. A quanto è dato sapere, leggendo le cronache, i testi sarebbero del genere "Vai alla più vicina stazione di polizia e incendiala". Altri testi che sarebbero stati pubblicati sul web indicevano "appuntamenti" nelle zone centrali delle città francesi. I tre arrestati rischiano una pena da 1 a 7 anni per incitamento alla violenza.

Non è la prima volta che il potere usa la mano pesante contro la libertà di opinione che si esprime attraverso Internet: a fine ottobre è stato arrestato dalla polizia segreta egiziana uno studente di giurisprudenza che, sempre sul suo "blog", si esprimeva contro la discriminazione esistente verso le donne e contro il terrorismo.

Ma, al momento, il caso più grave è sicuramente quello di 9 tunisini che sono stati condannati lo scorso anno a pene variabili tra i 19 ed i 26 anni di reclusione, pene ridotte solo di qualche anno in secondo grado. La colpa? Aver "cospirato contro lo stato". Le prove, oltre ad alcune confessioni estorte con la tortura, sarebbero anche dei CD contenenti materiali "terroristici" scaricati da Internet. La Tunisia non è nuova ad episodi del genere, nel recente passato ci sono state la condanna a due anni inflitta al responsabile di un sito web antigovernativo e l'arresto di 20 ragazzini che avevano avuto l'ardire di visitare dei siti web proibiti dalle autorità.

Queste ed altre storie avvengono alla vigilia del round finale del summit sulla "Società dell'Informazione" (16-18 novembre 2005) che si svolge proprio in Tunisia e che si annuncia, ancora una volta, come una inutile passerella di esponenti governativi che presenteranno programmi carichi di buone intenzioni. Non a caso i "progressisti", anche quelli critici verso la politica repressiva del governo tunisino, parteciperanno all'incontro nonostante il paese africano sia noto per la continua violazione dei più elementari diritti civili.

Diventa sempre più necessaria una azione che, nello spazio virtuale di Internet, da una parte si concentri nella difesa di tutti gli spazi di comunicazione ancora liberi dal controllo del potere e che, dall'altra, diffonda il più possibile le conoscenze necessarie per poter continuare ad esercitare il proprio diritto alla libertà di espressione contro la censura e la repressione.

Una lotta non molto diversa da quella da portare avanti nel mondo reale.

Articoli correlati

  • Stop all’export di armi italiane agli Stati che violano diritti umani? Chiedetelo all’Egitto
    Disarmo
    Un contratto da 871,7 milioni di euro per 32 elicotteri 24 AW149 e 8 AW189

    Stop all’export di armi italiane agli Stati che violano diritti umani? Chiedetelo all’Egitto

    Alcune fonti del governo italiano hanno parlato di “missione del secolo”, visti i valori politici, commerciali e industriali
    7 giugno 2020 - Rossana De Simone
  • Schede
    Film di Claude Autant-Lara

    Non uccidere

    La commissione censura nel 1961 ne vietò la visione in Italia perché trattava la questione dell'obiezione di coscienza in guerra. A Firenze Giorgio La Pira ne organizzò la proiezione, violendo i divieti e riaccendendo il dibattito
    5 aprile 2020
  • Schede
    Breve scheda

    Abbé Pierre (1912–2007)

    Fondatore del movimento Emmaus, è una figura esemplare dell'impegno umanitario
    Peppe Sini
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)