CyberCultura

Blog da licenziamento

La vita del blogger è dura e senza regole

Negli Usa aumentano i blogger licenziati per i loro diari online. Ma le aziende ancora non hanno una policy sull'argomento
23 febbraio 2006
Maria Zuppello (da New York)

Libro imprigionato Le cifre esatte ancora non ci sono ma la voce comincia a girare in rete e off rete in modo sempre più insistente. Per un blog si può perdere il posto di lavoro. A Dover, negli Usa, un reporter del "Weekly Dover Post" è stato licenziato in tronco quando il suo capo ha scoperto sul suo blog dei post cioè dei commenti scritti, relative alll'assassinio di Martin Luther King completamente offensivi per la comunità nera. Sorte identica ma per altri motivi è’ toccata ad una hostess della compagnia Americana Delta che per il suo diario in rete, "Queenofsky", ha posato senza veli.

Più grave il caso di un impiegato della Microsoft, licenziato solo per aver inserito nel suo blog foto di computer Mac comprati proprio dalla Microsoft. Per non parlare poi di Heather Armstrong, che ha perso il suo lavoro di Web design per aver (s)parlato dei suoi colleghi in rete, sul suo blog Dooce.com
Però Heather è passata alla storia, alla storia dei blog ovviamente. Dalla sua esperienza è stato, infatti, coniato un neologismo "to be dooced" che significa più o meno: essere licenziati a causa di un blog. Il proprio.

Insomma, qui negli Usa le aziende cominciano a rendersi conto del fenomeno blog ma solo per arginarlo. Tutto è comunque ancora agli inizi. Una ricerca condotta dalla Society for Human Resource Management lo scorso luglio stima che l'85% delle compagnie americane non ha ancora un regolamento scritto, una policy insomma, per i blog, policy invece diffusissima per l'uso delle email e dell'internet. Eppure solo qui negli Stati Uniti le stime parlano di 8 milioni di blog, un cifra enorme e in crescita. L'Employment Law Alliance, una rete di studi legali molto potente in America, ha commissionato lo scorso mese di gennaio un sondaggio. Su 1000 intervistati solo il 15 per cento dei datori di lavoro ha previsto una policy aziendale. In mancanza di una policy dunque se un'azienda arriva a licenziare un dipendente a causa del suo blog, proprio perché il blog non è disciplinato all'interno del posto di lavoro, è l’azienda che rischia di perdere la causa. E l'Employment Law Alliance ovviamente è dalla parte dei datori di lavoro.

Ma per il lavoratore/blogger? Non è forse, quello di scrivere, un diritto extraziendale e privato (soprattutto se non si blogga nelle ore di lavoro)? Forse, molto semplicemente il blog comincia a far paura per le potenzialità enormi che porta in sé, il fatto cioè che ognuno può diventare editore di se stesso e condividere la sua scrittura con chiunque lo voglia.
La Guerra ai blogger, insomma, è appena cominciata.

Articoli correlati

  • L'escalation della guerra Russia-Ucraina
    Disarmo
    Nella dinamica dell’escalation i mezzi divorano il fine

    L'escalation della guerra Russia-Ucraina

    “Durante la guerra fredda gli Stati Uniti resistettero all'Unione Sovietica in conflitti per procura in tutto il mondo senza venire a scontri diretti. La stessa risposta accuratamente calibrata è necessaria per l'invasione russa dell'Ucraina"
    6 maggio 2022 - Rossana De Simone
  • Il caso va archiviato
    Pace
    Estradizione di Julian Assange

    Il caso va archiviato

    L’Occidente giustamente condanna il bavaglio ai media russi. Sarebbe tuttavia più persuasivo se il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, fosse libero
    22 marzo 2022 - Bernd Pickert
  • Gli incendi di oggi e gli incendi futuri
    Pace

    Gli incendi di oggi e gli incendi futuri

    La rabbia sociale scatenatasi in seguito all’omicidio di Floyd non porterà a cambiamenti sostanziali sulla considerazione delle vite delle persone di colore in America
    12 giugno 2020 - John G. Russel
  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)