CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Summit Internet ONU, appello dei radicali

Il WSIS terrà la sua seconda fase in Tunisia: dopo l'allontanamento di Reporters sans frontières i radicali chiedono all'Italia e a Stanca di stimolare le democrazie in vista di un appuntamento tanto importante
19 settembre 2003 - Punto Informatico

Roma - Marco Cappato, parlamentare europeo della Lista Bonino, Marco Perduca, rappresentante del Partito Radicale Transnazionale presso l'ONU, e Gianluca Eramo, delegato del PRT al Summit Mondiale sulla Società dell'Informazione, hanno scritto al ministro italiano Lucio Stanca per esortare l'Italia ad assumere un ruolo più attivo nel corso dei negoziati del WSIS, che si svolgono a Ginevra dal 15 al 26 settembre.

Come noto il WSIS, il Summit mondiale sulla Società dell'Informazione, è considerato un appuntamento essenziale per la definizione di un comune approccio ai diritti della comunicazione nell'era digitale, ad internet e via dicendo. La sua rilevanza è enorme e nei giorni scorsi sono sorte nuove preoccupazioni sulle chances del Summit di essere efficace dopo l'allontanamento dell'organizzazione Reporters sans frontiéres.

Nella lettera a Stanca gli esponenti radicali, i primi a proporre di fare del WSIS la ribalta per la proclamazione di una rete libera e garante di libertà, affermano che "in quanto Presidente di turno dell'Unione europea, l'Italia ricopre l'importante ruolo di coordinazione delle varie delegazioni degli Stati membri dell'Unione Europea presso il Summit Mondiale sulla Società dell'Informazione" e dunque dovrebbe assumere un ruolo di stimolo e proposta verso tutta l'Unione europea e le democrazie che parteciperanno al WSIS.

"Riteniamo necessario - scrivono Cappato e Perduca - che venga assunto, come priorità, dall'Italia e dell'Europa, il fatto che i diritti civili e politici dei cittadini siano riconosciuti e rispettati anche nel "mondo virtuale". Gli Stati democratici in un'azione congiunta e coordinata, dovrebbero impegnarsi a fare in modo che il WSIS inserisca tale obiettivo nel testo della Dichiarazione di Principi ancora in fase di elaborazione".

Ulteriori preoccupazioni sono state espresse dal PRT per la scelta di convocare la seconda parte del WSIS nel 2005 in Tunisia, paese che "non può essere considerato un luogo appropriato per discutere di libertà di espressione e di libertà dell'uso delle nuove tecnologie".

Nella sezione "technological revolution" del sito del PRT (http://www.radicalparty.org) possono essere consultati i documenti con cui i radicali si presentano al WSIS.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)