CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Linux orientato alla didattica
    So.Di.Linux

    Linux orientato alla didattica

    Un ottimo esempio anche di green economy perché consente - essendo un software "leggero" - di riutilizzare computer ancora funzionanti ma poco potenti. Computer che rischiano di andare in discarica ma che con Linux tornano a "nuova vita"
    5 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà
    Stallman, chi era costui? :-)

    Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà

    Per chi non è avvezzo al sistema operativo del "pinguino", il nome di Stallman non dice nulla. E per chi non segue le vicende del "software libero", o non sa che la Rete può diventare un'arma a doppio taglio, difficilmente avrà partecipato all'importante e seguitissimo incontro che si è tenuto a Firenze lo scorso 14 settembre 2013; ospite illustre, appunto, Richard Stallman.
    25 settembre 2013 - Roberto Del Bianco
  • Dal pensiero strade per innovare
    Tesi del Master "Scienza Tecnologia e Innovazione"

    Dal pensiero strade per innovare

    Software e comunicazione digitale, circolazione della conoscenza ed esigenze di tutela della proprietà intellettuale
    28 gennaio 2010 - Lidia Giannotti
  • Diretta Rai nuovamente visibile per gli utenti Linux
    Dopo la protesta di PeaceLink

    Diretta Rai nuovamente visibile per gli utenti Linux

    Ieri PeaceLink aveva rilanciato le preoccupazioni della comunità Linux, in particolare quelle del forum di Ubuntu, circa l'impossibilità di vedere in diretta i canali della Rai.
    16 febbraio 2010 - Associazione PeaceLink

Il prossimo libro del Capitale

18 giugno 2006 - Donatella Della Ratta
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

«Tutto è cominciato dal Capitale di Marx. Mi ha fatto riflettere sull'importanza degli oggetti nella vita quotidiana. E mi sono detta: perchè non si può rintracciare l'origine degli oggetti? Perchè le cose devono essere solo merci da consumare e da possedere e non possono essere storie da raccontare, legami fra luoghi diversi, relazioni con il nostro passato?».
Ulla-Maaria Mutanen, una delle animatrici finlandesi di Aula 06, racconta così l'origine del suo progetto thing:link (www.thinklink.org). La filosofia del sito è semplice quanto significativa: ogni persona che produce qualcosa - un abito, una scarpa, un quadro - viene invitato ad iscriversi al sito e a mettere un'etichetta virtuale al suo oggetto che, una volta stampata, diventa una specie di codice a barre con un numero seriale. Chi vuole comprare quell'oggetto, da qualsiasi parte del mondo, potrà digitare le cifre che vede sull'oggetto e risalire al suo produttore, alle condizioni economiche e di lavoro in cui è stato prodotto, imparare la sua storia.
«L'oggetto cessa di essere una semplice merce e diventa il racconto di una storia, il possibile legame sociale con chi l'ha prodotto. Produttore e compratore possono così incontrarsi, cessare di essere degli sconosciuti l'uno per l'altro. Diventa una questione sociale, non solo una faccenda economica e di consumo» spiega Ulla-Maaria.
Al fascino emotivo del suo progetto va aggiunto il suo aspetto più politico, la rintracciabilità delle cose, sempre più complicata e costosa nel mondo multinazionale contemporaneo. Se un giorno i piccoli produttori di cibi o di tessuti utilizzassero thing:link come luogo per informare su ciò che vendono, i consumatori potrebbero orientarsi meglio negli acquisti «equo-solidali» globali, tenendo conto dell'anima etica del commercio. Forse thing:link nel futuro sarà un nuovo ebay, un luogo per comprare e vendere oggetti dalla storia e dal significato, non soltanto merci. È il sogno di Ulla-Maaria che, per il momento, ha realizzato il sito nei ritagli di tempo, contando sulle sue forze e sui contributi volontari (di tempo) degli amici. «È un hobby», dice. Non a caso il suo blog si chiama hobbyprincess.com.
Come Ulla Maaria, tanta gente qui ad Aula fa le cose per hobby. Da qualche parte rispunta una vecchia email degli anni 90. Dice: «Ciao, cerco gente che voglia sviluppare un progetto open source,una cosa così, per hobby». Anche lui era finlandese, si chiamava Linus Torvalds, ed è il papà di Linux.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)