CyberCultura

Bucato un sito dei servizi israeliani

Le forze dell'ordine di Gerusalemme hanno arrestato un giovane che sarebbe riuscito ad effettuare una incursione in un server del Mossad. Per lui saranno dolori
6 novembre 2003
Punto Informatico

Lo ha fatto perché il sito di reclutamento messo in piedi dal Mossad, il servizio segreto israeliano, non gli sembra abbastanza sicuro per gestire tutte le informazioni personali ivi lasciate da aspiranti agenti. Lui allora si è armato di pazienza e ne ha verificato la sicurezza violandone le protezioni. Ovviamente è finito nei guai.


Il protagonista dell’impresa sarebbe un 23enne il cui nome per il momento rimane ignoto e che dopo l'arresto è stato quasi immediatamente portato dinanzi ad un giudice. Secondo l'accusa sostenuta dai procuratori di stato, l'uomo avrebbe utilizzato "sofisticate tecniche di attacco" per penetrare nel server del sito anche se non sarebbe stato in grado di "decifrare le informazioni ottenute".


Stando ad Associated Press, per il momento né il ministero di Giustizia né l'ufficio del Primo Ministro hanno in alcun modo commentato un evento che non è evidentemente andato giù alle forze di sicurezza del paese.


I procuratori non sembrano affatto proni a considerare la tesi della difesa, secondo cui l'attacco effettuato dal 23enne sarebbe nato soltanto dalla curiosità e poi dal timore che il sito potesse non essere all'altezza della situazione. Trattandosi di un sito di quel calibro, d'altro canto, la massima diffidenza è probabilmente inevitabile. Allo stato, comunque, non è giunto nessun mea culpa dai responsabili della sicurezza di quei server.


Il sito di reclutamento del Mossad esiste da circa un anno ed è servito all'intelligence israeliana per individuare potenziali agenti o personale da selezionare. Va da sé che un sito del genere è sottoposto ad aggressioni telematiche di ogni genere, come già accade negli USA per siti come quelli della CIA o della NSA.

Articoli correlati

  • Con i miei occhi
    Pace
    Recensione al libro di Felicia Langer (Zambon editore 2018)

    Con i miei occhi

    Una testimonianza della repressione di Israele contro i palestinesi (1967-1973)
    9 gennaio 2019 - David Lifodi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Latina
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Tortura in Israele
    Pace
    Pubblicato da Zambon Editore, 2017

    Tortura in Israele

    Recensione al rapporto delle associazioni umanitarie B’Tselem e HaMoked
    19 dicembre 2017 - David Lifodi
  • VARESE: minacciato di archiviazione l'esposto contro la vendita di aerei da guerra finmeccanica
    Pace
    DENUNCIA:

    VARESE: minacciato di archiviazione l'esposto contro la vendita di aerei da guerra finmeccanica

    Nel luglio 2014, in piena aggressione bellica contro Gaza (“Margine protettivo”, 2000 vittime), l’Italia permise l’ invio dei primi 30 caccia M-346 prodotti a Varese
    21 aprile 2017 - Laura Tussi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)