CyberCultura

Il 'sindacato' per gli utenti di file-sharing

6 novembre 2003
Iacopo Risi

In risposta alla nuova campagna anti-sharing su Internet da parte dell'Industria discografica americana Serguei Osokine, noto sviluppatore di Gnutella, ha aperto un sito denominato P2PFund.com.

Il progetto si propone di offrire un supporto, anche finanziario, a tutti coloro che devono vedersela in tribunale con la RIAA. Il denaro raccolto proviene dagli utenti di file-sharing; parte di esso verrà distribuito tra i musicisti che hanno riscosso maggior popolarità nello scambio peer-to-peer.

Per entrare a far parte di questa iniziativa è necessaria l'iscrizione, sia come user che come artista.

Articoli correlati

  • Derechos de autor, olè!
    CyberCultura
    Sentenza della Corte di Giustizia europea sul caso Promusicae-Telefonica: la tutela della privacy prevale sulla difesa del diritto d'autore.

    Derechos de autor, olè!

    Ma l'interpretazione della sentenza appare sibillina. IFPI non ci sta e dichiara: “la sentenza conferma che gli stati membri possono continuare a richiedere i dati degli utenti ai fini di procedimenti civili”. Ribatte Altroconsumo: “Il problema è un altro, trovare un nuovo modello per distribuire legalmente i contenuti online”.
    31 gennaio 2008 - Loris D'Emilio
  • CyberCultura

    L'ultima sfida del partito dei pirati

    Senza traccia Il Pirat Partiet, movimento svedese per le libertà digitali, candidato alle elezioni di settembre, lancia Relakks. Un servizio, attivo in Europa e negli Stati uniti, che garantisce la completa anonimità durante la navigazione e lo scambio dati. Forniti di un Ip neutro gli utenti non possono essere identificati dagli spioni della Rete
    17 agosto 2006 - Giulia Sbarigia
  • CyberCultura

    Fare a meno della banca e prestarsi i soldi in gruppo

    Due esperienze anglosassoni propongono in rete il prestito di denaro P2P, dove la garanzia dipende dalla ripartizione del rischio e dalla reputazione dei singoli
    6 luglio 2006 - Sarah Tobias
  • Il pedoporno e i pericoli del P2P
    CyberCultura

    Il pedoporno e i pericoli del P2P

    La pratica dei processi in Italia suggerisce una correlazione tra lo sharing di musica e film e la circolazione di pornografia infantile. E' bene sapere come stanno le cose, per evitare sorprese
    Avv. Daniele Minotti

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.3 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)